NoiPA, cedolino gennaio: perché l’importo è più cospicuo?
NoiPA, cedolino gennaio: perché l’importo è più cospicuo?

Ultime notizie al 4/01 NoiPA gennaio 2019 – Lo stipendio di gennaio è più alto rispetto a quelli precedenti per via di alcune motivazioni. Vi spieghiamo quali.

Aumento cospicuo della rata del cedolino NoiPA di gennaio 2019

Il cedolino di gennaio 2019, così come chiarito in un nostro recente articolo, è già visibile da alcuni giorni sulla piattaforma degli stipendi NoiPA. Da quello che risulta dalla consultazione eseguita anche da chi scrive, la rata stipendiale di gennaio sarà decisamente più alta rispetto alla media degli stipendi dei mesi passati. Una circostanza questa che è stata notata anche da molti insegnanti, i quali oltre a segnalarci in alcuni commenti presenti nelle pagine Facebook gestite dal nostro portale di informazione, si domandano anche quali siano le ragioni che stanno alla base di questa positiva novità.

Ovviamente parliamo della rata stipendiale di gennaio 2019 degli insegnanti e dei lavoratori facenti parte del personale ATA. In molti casi, questi lavoratori riceveranno uno stipendio più alto rispetto a quello delle mensilità precedenti.

NoiPA cedolino gennaio: ecco i motivi dell’importo più elevato

telegram-scuolainforma-336x280

La sorprendente notizia ha alcune valide ragioni. Prima di tutto bisogna ricordare, infatti, che allo stipendio di gennaio (e anche di febbraio) non viene sottratta nessuna somma relativa alle detrazioni fiscali. In particolare, non vengono detratte aliquote fiscali comunali e/o regionali, così come avviene fino al mese di dicembre. Le detrazioni di cui in precedenza riprenderanno ad essere regolarmente inserite e calcolate nei cedolini a partire da quello di marzo 2019.

Potrebbe interessarti:  Noipa: guida alla lettura del cedolino dello stipendio, in ogni sua parte

La seconda ragione è dovuta agli aumenti previsti nel CCNI 2016/2018, già percepiti sulle rate stipendiali, come risaputo, a partire dalla rata di giugno dello scorso anno.

Il terzo ed ultimo motivo è dovuto al cosiddetto “elemento perequativo”, rifinanziato attraverso la Legge di Stabilità 2019 approvata in extremis dal governo gialloverde. La cifra derivante da questo ultimo fattore non è calcolabile in maniera univoca, visto che dipende dalla fascia stipendiale di ciascun lavoratore.

Nessun aumento di contratto: quello attuale è scaduto lo scorso 31 dicembre 2018 e si attende l’avvio delle trattative per il suo rinnovo

Non si tratta quindi assolutamente di nuovi aumenti dovuti a fantomatici rinnovi di contratto. L’attuale CCNI 2016/2018 è scaduto il 31 dicembre 2018 e ancora, a quanto pare, non si è a conoscenza della ripresa o dell’avvio delle trattative per dirimere positivamente questa criticità che riguarda centinaia di migliaia di lavoratori del comparto scuola.

Ricordiamo, per dovere di cronaca, che la trattativa sul rinnovo del Contratto tra Aran e sindacati partirà (speriamo al più presto) da un dato numerico annunciato in più occasioni: un aumento medio pari a 40 euro lordi. La legge di Bilancio 2019 di contro, nel suo complesso, ha stanziato 1,7 miliardi di euro per gli aumenti stipendiali relativi a 850 mila lavoratori della scuola.