Lo scandalo dei diplomi falsi era scoppiato un anno fa con una indagine che aveva portato gli uomini delle Fiamme Gialle a indagare sul personale Ata (sia bidelli che amministrativi) delle scuole trevigiane. Adesso, come scrive Il Mattino di Salerno in un articolo di questa mattina, siamo giunti al ‘redde rationem’. Il fenomeno è molto più esteso di quanto si possa immaginare e gli arresti già effettuati di qualche bidello potrebbero essere i primi di una lunga serie.

Diploma connection

La mai tanto deprecata abitudine di procurarsi diplomi falsi per lavorare a scuola, scavalcando illegittimamente tanti precari in attesa in graduatoria da molti anni, era stata oggetto di attenzione da parte del Miur che aveva annunciato una dura repressione. Al Ministero erano giunte numerose segnalazioni che avevano indotto i dirigenti a denunciare gli illeciti agli uomini della Guardia di Finanza. Detto fatto, prima di Natale, alcune scuole statali e paritarie erano state raggiunte da richieste di accertamento dei titoli. E’ di oggi la notizia del primo arresto di un bidello che è stato licenziato in tronco.

Potrebbe interessarti:  Scuola, vicepremier Salvini a gamba tesa sulla questione droga

Non solo bidelli

Nel dettaglio della notizia viene segnalato che ci sono altre persone indagate. In tutto si tratta di 4 bidelli salernitani e uno veneto. I cinque che sono stati licenziati saranno denunciati per dichiarazioni mendaci e titoli falsi. Ma questo non è tutto perché il fenomeno della falsificazione si è esteso anche ai docenti di sostegno. Gli inquirenti ne hanno già trovati 3 con titoli di formazione non regolari, emessi da enti di formazione privati di Salerno.

Indagine estesa ad altre regioni

“Ma è solo l’ inizio”, pronostica un funzionario del Provveditorato di Salerno. Sarebbe la classica punta dell’iceberg. Sullo scandalo qualifiche professionali fasulle e sui titoli di servizio gonfiati sta indagando l’amministrazione scolastica regionale guidata in Campania dalla direttrice generale Luisa Franzese. Le scuole che stanno curando i fascicoli dei bidelli salernitani sono localizzate nel Veneto, ma anche nelle Marche e in Abruzzo.