Concorso secondaria

Torniamo a parlare del concorso secondaria. Precedentemente abbiamo trattato nei dettagli quali modifiche ha apportato la Legge di bilancio 2019 al D.L.59/2017 sul reclutamento dei docenti per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

I concorsi saranno banditi regolarmente nelle regioni e per le classi di concorso dove risultano posti vacanti.
Ai vincitori verrà  così garantito il posto nella regione e scuola scelta con il vincolo di rimanervi per 5 anni (uno come anno di prova e altri quattro se superato anno di prova) e  in modo da consentire la continuità didattica a tutela degli alunni. Pertanto per 5 anni non potranno chiedere mobilità.

Abbiamo già trattato dei requisiti per accedere al concorso per posti comuni, ITP e sostegno. In questo articolo ci occuperemo nello specifico dei docenti della scuola dell’infanzia e della primaria che desiderano passare alla scuola secondaria, in quanto in molti hanno chiesto delucidazioni in merito.

Docenti scuola infanzia e primaria

telegram-scuolainforma-336x280

Requisito essenziale per partecipare al concorso è il possesso da parte dei suddetti docenti di laurea utile per accedere alla classe di concorso richiesta. La laurea deve ovviamente essere idonea all’insegnamento, cioè avere i CFU richiesti per l’accesso alla Cdc. Possono accedere al concorso sia i docenti di ruolo sia i docenti precari.
Sono abilitanti sia la laurea in scienze della formazione primaria sia il diploma magistrale purché conseguito entro l’a.s. 2001-2002.

Importante ricordare che la modifica al decreto legislativo 59/17 consente ai docenti in possesso di abilitazione per altra Cdc o per altro grado di istruzione, l’esonero al conseguimento dei 24 CFU purché in possesso del titolo di accesso alla Cdc ai sensi della normativa vigente. Tali docenti devono però conoscere le tematiche sia in campo antropo – psico – pedagogico che su quello afferente le metodologie e tecnologie didattiche, in quanto oggetto della seconda prova scritta.

Potrebbe interessarti:  Scuola, offerte di lavoro: concorsi infanzia ed educatori asilo nido, ecco dove e le scadenze per la domanda

Vediamo ora i titoli di studio.

Titoli di studio

Il DPR 19/2016, modificato dal successivo DM 259/2017, riporta i titoli di studio previsti per l’accesso alle varie classi di concorso della scuola secondaria.

La Tabella A, allegata al DPR 19/2016, riporta le classi di concorso per la scuola secondaria di primo e secondo grado e le relative corrispondenze con le classi di concorso (Tabelle A e D allegate al decreto del Ministro della pubblica istruzione 30 gennaio 1998).

II D.M. 259/2017 riporta le seguenti modifiche alla tabella A: sostituire “LICEO SPORTIVO” con “LICEO scientifico indirizzo SPORTIVO”; cambiare “LM11 Conservazione e restauro dei beni culturali” in “ LM11 Scienze per la conservazione dei beni culturali”.

La Tabella B, allegata al DPR 19/2016riporta le classi di concorso a posti di insegnante tecnico-pratico per la scuola secondaria di primo e secondo grado e le relative corrispondenze con le classi di concorso (Tabella C allegata al decreto del Ministro della pubblica istruzione 30 gennaio 1998).