Scuola, personale ATA ultime notizie: dal 2020 si cambia, pulizie solo con dipendenti

A partire dall’anno scolastico 2019/2020, è stata autorizzata la trasformazione da tempo parziale a tempo pieno del rapporto di lavoro dei 445 assistenti amministrativi e dei 23 tecnici, assunti nell’anno scolastico 2018/2019. Tale disposizione è la diretta conseguenza di quanto contenuto nell’articolo 1, (commi da 619 a 621) della legge n. 205/2017.

Scuola, pulizie: dal 2020 si cambia

Dal 1° gennaio 2020, invece, le istituzioni scolastiche ed educative statali dovranno svolgere i servizi di pulizia e ausiliari solamente tramite ricorso a personale dipendente che appartiene al profilo dei collaboratori scolastici.

In questo modo si rendono disponibili i posti accantonati ai sensi dell’articolo 4 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 119/2009. E’ quanto viene disposto dai commi da 738 a 741 e da 760 a 761 relativi all’articolo 1 della legge n. 145 del 30 dicembre 2018, meglio nota come Legge di Bilancio 2019.

Le disposizioni sopra citate avrebbero lo scopo di mettere la parola stop all’esperimento riguardante le pulizie degli istituti, affidate a ditte esterne all’amministrazione scolastica. Inoltre, quello di garantire il posto di lavoro a tempo pieno sia agli assistenti amministrativi e tecnici, in precedenza assunti, che ai 12000 ex lavoratori socialmente utili che continuano a prestare servizio nelle scuole alle dipendenze di imprese di pulizia.

Potrebbe interessarti:  Terza fascia Ata: quando si potrà presentare la prossima domanda

Miur, bando selettivo ad hoc

Il Miur è autorizzato ad avviare un’apposita procedura selettiva, per titoli e colloquio, finalizzata ad assumere il personale impegnato per almeno 10 anni, anche non continuativi, (inclusi 2018 e 2019), presso le istituzioni scolastiche ed educative statali, per lo svolgimento di servizi di pulizia e ausiliari in qualità di dipendente a tempo indeterminato di imprese titolari di contratti per lo svolgimento dei suddetti servizi. Le assunzioni scatteranno dal 1° gennaio 2020, il Miur fisserà tramite apposito decreto i requisiti per la partecipazione alla procedura selettiva, nonché le relative modalità di svolgimento e i termini per la presentazione delle domande.