concorso secondaria

Il concorso per docenti, il cui bando è atteso nel 2019, sarà svolto con modalità differenti rispetto al passato, come delineato nella Legge di bilancio 2019.

Le novità 

Per il concorso su posti comuni, ad esempio, ci saranno due prove scritte di cui la seconda atta a verificare i saperi nelle discipline antropo-psico-pedagogica e metodologie e tecnologie didattiche. Tale prova dovrà essere svolta anche da coloro che sono esentati dal conseguimento dei 24 CFU (Per tutte le informazioni riguardanti il nuovo concorso leggi qui). Per il concorso su posti di sostegno la prova scritta è una. Altra novità è che il concorso torna ad essere abilitante per cui anche coloro che non lo vincono ma passano tutte le prove (scritte e orali) avranno comunque conseguito l’abilitazione per la classe di concorso di partecipazione. Infatti, altra differenza, non ci saranno più idonei ma solo vincitori.

Potrebbe interessarti:  Stipendi, da aprile 2019 via agli aumenti: gli importi

Inoltre i vincitori, dopo un percorso di formazione iniziale e prova (ripetibile), entreranno subito di ruolo, a differenza di quanto prevedeva il D.lgs. 59/2017 (prima 3 anni di formazione e poi l’assunzione a tempo indeterminato, il famoso percorso FIT). Ma quale sarà il loro stipendio?

Stipendio vincitori concorso secondaria 

Lo stipendio dei docenti neo-assunti in ruolo sarà quello relativo al ruolo di appartenenza ed appartenente alla fascia stipendiale 0-8. Attendiamo il rinnovo del prossimo contratto relativamente al triennio 2019/2021 per vedere se ci saranno novità… speriamo in positivo.

Importante sottolineare che, dopo il superamento dell’anno di prova, i docenti potranno presentare domanda di ricostruzione carriera per essere inquadrati nella giusta fascia stipendiale in base agli anni di pre-ruolo o di altro ruolo.