Mobilità 2019/2022: sedi disponibili e aliquote per i trasferimenti
Mobilità 2019/2022: sedi disponibili e aliquote per i trasferimenti

Ai fini della mobilità 2019/22 saranno disponibili, in ciascuna scuola, tutti i posti “vacanti” ovvero la somma dei posti attribuiti nell’organico dell’autonomia per ciascuna tipologia o classe di concorso (senza alcuna differenziazione tra i posti assegnati per il curricolare e quelli per il potenziamento), meno i posti occupati dai docenti già titolari della scuola e quelli degli incaricati triennali del corrente a.s. che transitano di diritto prima delle operazioni e ne assumono la titolarità.

Sedi disponibili mobilità 2019/20

Per la mobilità dell’a.s. 2019/2020 sono sottratti dalle disponibilità i posti sui quali attualmente prestano servizio i docenti al terzo anno del percorso FIT, sui quali si conferma l’assunzione a tempo indeterminato ad avvenuta valutazione positiva.

  • I posti disponibili su ciascun comune saranno pari alla somma dei posti (disponibili) nelle singole scuole che ne fanno parte.
  • I posti disponibili a livello provinciale saranno pari alla somma dei posti dei comuni, dopo aver detratto eventuali docenti in esubero, titolari in provincia, che vanno preventivamente ricollocati e i docenti che cessano il collocamento fuori ruolo.

I posti disponibili in ciascuna scuola all’inizio delle operazioni possono aumentare nel caso di “uscita” di qualche docente sia per trasferimento che per passaggio.

Aliquote per i trasferimenti interprovinciali e  professionali

telegram-scuolainforma-336x280

Al termine dei trasferimenti provinciali e dopo avere riassorbito gli eventuali esuberi, è accantonato il 50% delle disponibilità per le immissioni in ruolo. Nel limite del restante 50% si realizzano i trasferimenti interprovinciali e la mobilità professionale (III fase) sulla base di aliquote così rimodulate nel triennio di vigenza del CCNI:

  • a.s. 2019/2020

50% immissioni in ruolo

40% mobilità territoriale interprovinciale

10% mobilità professionale

  • a.s. 2020/2021

50% immissioni in ruolo

30% mobilità territoriale interprovinciale

20% mobilità professionale

  • a.s. 2021/2022

50% immissioni in ruolo

25% mobilità territoriale interprovinciale

25% mobilità professionale

L’eventuale posto dispari disponibile al termine delle operazioni di II fase (art.8 comma 7) è assegnato ad anni alterni prima alla mobilità poi alle immissioni in ruolo, quindi ancora alla mobilità. L’eventuale posto non intero nella ripartizione del 50% destinato alla mobilità si arrotonda alla frazione maggiore e, in caso di parità, ai trasferimenti. Per le classi di concorso in esubero nazionale, e fino al permanere della situazione, la mobilità territoriale si attua sul 100% delle disponibilità calcolate dopo la II fase.

(Fonte: FLC CGIL)