A breve l’avvio del terzo ciclo di specializzazione sul sostegno per la scuola dell’infanzia e primaria e la richiesta al MEF, per la prima volta, di autorizzare 40.000 posti per i prossimi corsi di specializzazione, anche per la scuola secondaria. ‘I nuovi corsi potrebbero partire già nella prossima primavera’, ha detto il ministro. ‘Nella legge di bilancio appena approvata abbiamo inoltre semplificato l’accesso ai corsi di specializzazione, prevedendo che possano parteciparvi anche i giovani laureati, siano essi abilitati o meno’.

Scienze della Formazione Primaria N.O.

“… prevedendo che possano parteciparvi anche giovani laureati, siano essi abilitati o meno.” Non è la stessa cosa!
A questo punto si può pensare di diversificare i percorsi: gli abilitati in scienze della Formazione Primaria hanno già fatto una selezione in ingresso sul fabbisogno nazionale e, a partire dal 2011 (anno in cui il nuovo ordinamento ha tolto il sostegno dal percorso di studi, inglobato nel vecchio ordinamento), non sono tantissimi, circa 15000 unità e non è detto che tutti vogliano confluire sul sostegno.

Posti da destinare ad SFP

Nel percorso di Scienze della Formazione Primaria ci sono oltre 30 CFU (crediti formativi) di esami che poi si ripetono nel percorso sul sostegno, quindi doppioni, conoscenze già acquisite che potrebbero consentire agli studenti di bypassare le prove selettive ed iscriversi direttamente ai percorsi di specializzazione sul sostegno. Dopo la svalutazione del titolo e il concorso straordinario per i dm, questa concessione è doverosa.

telegram-scuolainforma-336x280

Del resto, cosa sono 7-8000 posti destinati ad SFP a fronte di 40000 posti totali promessi dal Ministro nei prossimi 3 anni?
Riprendiamo le parole della Malpezzi in replica al Ministro: ‘Lei qui (in aula durante il question time) ci ha raccontato, ancora una volta, una serie di buone intenzioni che sono smentite dalla legge di bilancio votata dall’attuale Governo. La risposta semplice, da uomo chiaro quale lei è, sarebbe dovuta essere una sola: non abbiamo messo un euro per le assunzioni degli insegnanti di sostegno. Questo avete fatto. Formare i 40.000 insegnanti di sostegno significa assumere e invece no, voi non assumete. A settembre non ci saranno nuove assunzioni di insegnanti di sostegno a tempo indeterminato’.