Ata, scandalo titoli falsi: pioggia di licenziamenti

Continua lo scandalo dei titoli falsi. Sono partite nelle scorse ore le prime lettere di licenziamento per i collaboratori scolastici scoperti a occupare un posto senza il possesso regolare dei titoli. Alcune sono state già consegnate ai destinatari, altre sono in arrivo. Oltre al licenziamento gli stessi collaboratori saranno depennati definitivamente dalle graduatorie di circolo e di istituto Ata e poi segnalati alla Procura.

Scandalo diplomi falsi Ata: scattano i licenziamenti

Sarebbero circa un centinaio i collaboratori scolastici scoperti con diplomi falsi. Provengono tutti dalla Campania e si trovavano a occupare ingiustamente posti nel Veneto. Risale a mercoledì una raccomandata dell’Ufficio scolastico molto chiara e che ha lasciato poche vie di scampo. Nel veneziano i casi riguardano Lido di Venezia a Murano, Campagna Lupia, Dolo, la Riviera del Brenta. Le indagini erano partite da tempo e hanno portato a scoprire un sistema ben collaudato di veri e propri diplomifici, che procuravano agli aspiranti supplenti Ata diplomi in maniera irregolare dietro compenso economico. Così molti risultavano in cima alle graduatorie con punteggi gonfiati rispetto agli altri candidati.

Potrebbe interessarti:  Personale ATA: una sanzione disciplinare è pubblicabile su Internet?

Nei mesi scorsi soprattutto i controlli si erano intensificati, quando l’Usr del Veneto aveva emanato una circolare per chiedere verifiche capillari sui candidati Ata, con particolare riguardo verso gli aspiranti supplenti provenienti dal salernitano e dall’avellinese, in possesso di diplomi ottenuti presso scuole paritarie. Questi istituti sono risultati essere in alcuni casi inesistenti, in altri non erano abilitati a rilasciare diplomi. Sarebbero almeno sei gli istituti scolastici campani, che avrebbero fornito i titoli falsi, individuati dall’Ufficio scolastico del Veneto. Per gli operatori Ata ora scatterà anche la segnalazione alla Procura, ciò significa che potrebbero essere attribuiti loro vari reati, tra cui quello di truffa ai danni dello Stato. Le verifiche serrate continuano comunque in tutta la penisola.

telegram-scuolainforma-336x280