Il Miur dà il via alla procedura per lo svolgimento del prossimo corso Tfa sostegno. Il ministro Marco Bussetti ha firmato il decreto che contiene le disposizioni relative alla ripartizione dei contingenti e alla fissazione delle date per il test preliminare. Nel decreto emesso dal ministero vengono indicati anche i requisiti necessari per partecipare al corso TFA sostegno. Adesso si attende solamente la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

I requisiti di accesso

Per la scuola primaria e dell’infanzia sono confermati quelli discendenti dalle abilitazioni. Occorre essere in possesso di laurea in Scienze della formazione primaria o diploma magistrale, ivi compreso il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico, con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

telegram-scuolainforma-336x280

Per la secondaria di primo e secondo grado, oltre alle abilitazioni conseguite all’estero o mediante i corsi Tfa/Pas, la novità è costituita dalla possibilità di partecipare con il possesso della laurea + 24 CFU in discipline antropo – psico – pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche. Saranno ammessi anche i docenti laureati con 3 annualità di servizio, anche non successive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo Il, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione. Anche il possesso del diploma di insegnante tecnico pratico sarà messo per la partecipazione al corso TFA sostegno. Viene consentito di partecipare con riserva anche a quei soggetti che hanno conseguito l’abilitazione all’estero e siano in attesa del riconoscimento da parte del ministero.

Potrebbe interessarti:  TFA sostegno, le Università che hanno pubblicato l'avviso, aggiornamento del 19/2

In allegato il decreto ministeriale

decreto sostegno