Titolo abilitante con Laurea e 24 CFU: le risposte ai vostri quesiti del 26/05
Titolo abilitante con Laurea e 24 CFU: le risposte ai vostri quesiti del 26/05

Nuovo appuntamento della rubrica di Scuolainforma, curata dall’Associazione Docenti MSA, nella quale risponderemo – di volta in volta – ai quesiti più comuni che i lettori ci pongono. In caso di dubbi o questioni irrisolte, potrete inviare le vostre domande al seguente indirizzo: faq@scuolainforma.it.

Come diventare insegnanti, Tfa sostegno: primo treno

Gent.mo Prof. Scandura, sono una neo laureata con il sogno di lavorare nel mondo della scuola. La mia passione è nata dall’ammirazione che nutro nei confronti di un mio docente delle scuole superiori che ha segnato una svolta nella mia vita e mi ha fatto capire quanto è importante questo lavoro. Vorrei sapere cosa posso fare per entrare in questo mondo. Grazie e cordiali saluti.

Prof. Scandura Luciano – Gentile aspirante docente, mi fa piacere informare una giovane che ha tanta passione per il mondo della scuola e, nello stesso tempo, spero che le seguenti informazioni possano essere di aiuto per tutti coloro che desiderano diventare insegnanti.

Innanzi tutto, bisogna verificare che lei abbia un titolo idoneo all’insegnamento, controllo che può essere effettuato attraverso il DM 259 del 9/5/2017 e il DPR 19 del 14/02/2016.

Una volta accertato che lei abbia un titolo idoneo all’insegnamento, è necessario che lei consegua i 24 CFU, ovvero crediti formativi universitari nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche, come indicato nella Legge di Bilancio 2019, che prevede una riforma del reclutamento per la scuola secondaria di primo e secondo grado. Infatti, nella nuova Legge di Bilancio, viene specificato che ai prossimi concorsi per il reclutamento di nuovi docenti nella scuola secondaria potranno partecipare tutti coloro in possesso della laurea magistrale (idonea all’insegnamento), seppur privi di abilitazione, a condizione che abbiano conseguito i suddetti 24 CFU, come previsto dal Decreto Legislativo n. 59/2017. Di conseguenza, per partecipare al prossimo concorso docenti, il titolo d’accesso non sarà più l’abilitazione all’insegnamento (TFA o SSIS), ma laurea magistrale e 24 CFU.

È doveroso fare una precisazione per quanto riguarda il concorso relativo ai posti di sostegno, in cui, oltre ad i requisiti necessari per accedere al concorso sui posti comuni, sarà necessario possedere la specializzazione sul sostegno.

Per poter conseguire l’abilitazione sul sostegno, bisognerà quindi seguire un percorso universitario di specializzazione, i cui requisiti di accesso sono definiti dal DM n. 92 dell’8 febbraio 2019, che prevede il possesso congiunto di:

a) laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso; 

b) 24 crediti formativi universitari o accademici, CFU/CFA, acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche.

Per quanto riguarda i suddetti 24 CFU, ricordo che è ancora possibile conseguirli in tempi utili per poter partecipare al concorso a cattedra e al percorso di specializzazione sul sostegno. Per maggiori informazioni e/o richieste di chiarimenti, è possibile chiamare il numero 392-6225285. Personale esperto e cortese risponderà alle vostre richieste.

In conclusione, nel fare i migliori auguri a tutti coloro che desiderano entrare a far parte del mondo della scuola, vorrei precisare che queste sono solo alcune indicazioni di massima. Il mio consiglio è quello di rivolgersi ad un consulente esperto che sappia valutare ogni specifica situazione e indicare il percorso migliore per raggiungere questo obiettivo.