Scuola, autonomia differenziata ultime notizie: M5S esulta ma 'resta un problema da risolvere'
Scuola, autonomia differenziata ultime notizie: M5S esulta ma 'resta un problema da risolvere'

La scuola si ribella al progetto di ‘regionalizzazione’ dell’istruzione contenuto nell”autonomia differenziata’ che la Lega ha provveduto a sottoporre al governo Conte. A questo proposito, il sito aetnascuola.it ha pubblicato un articolo all’interno del quale si rende noto che i sindacati confederali e quelli di base della scuola, in collaborazione con le associazioni e gli studenti, hanno sottoscritto un documento inedito contro un progetto che mira a ‘regionalizzare la scuola e l’intero sistema formativo tramite una vera e propria ‘secessione’ delle Regioni più ricche’.

La scuola si ribella alla regionalizzazione dell’istruzione

sindacati e le varie associazioni chiedono la mobilitazione, allo scopo di ‘fermare un disegno politico disgregatore dell’unità e della coesione sociale’. Gli studenti dell’Uds, viene sottolineato dall’articolo pubblicato da aetnascuola.it, bloccheranno le lezioni fino al 22 febbraio mentre Unicobas e Anief hanno programmato uno sciopero per il giorno 27.

Lo Stato verrà meno al suo ruolo di ‘garante’

Nella nota, si sottolineano i possibili effetti immediati del progetto di regionalizzazione della scuola come quello relativo agli inquadramenti contrattuali del personale scolastico su base regionale: si verificheranno delle differenze e delle disuguaglianze in merito a salari, forme di reclutamento e sistemi di valutazione. Per non parlare di ‘livelli ancor più differenziati di welfare studentesco e percorsi educativi diversificati’. Viene sottolineato come, di fatto, ‘viene meno il ruolo dello Stato come garante di unità nazionale, solidarietà e perequazione tra le diverse aree del Paese; ne consegue una forte diversificazione nella concreta esigibilità di diritti fondamentali’.