Il TFA sostegno che sta per essere avviato catalizza l’attenzione dei tanti neolaureati che vogliono intraprendere la carriera di insegnante. Va detto subito però che ci vuole ancora diverso tempo affinché i singoli corsi vengono avviati. Innanzitutto occorre il bando in Gazzetta Ufficiale ufficiale, poi il decreto ministeriale che autorizza i corsi con le disponibilità delle singole università.

Per adesso abbiamo a disposizione solo le parole del ministro Bussetti per cui il bando sarà in Gazzetta a giugno. Il decreto ministeriale dovrebbe uscire a quel punto a luglio con l’indicazione delle date in cui si terranno le prove preselettive.

Seguire i corsi per due cdc diverse

Rispondendo alla domanda se saranno per ogni ordine e grado di scuola diciamo subito di sì. Infanzia primaria, secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado. Occorre fare una scelta, tenendo presente che, ad esempio per la scuola secondaria, è possibile partecipare per tutte e due i gradi, purchè le date di accesso ai test siano diverse. È possibile sostenere le prove preselettive anche in due atenei diversi, per chi fosse interessato a due ordini di scuola.

Potrebbe interessarti:  TFA sostegno 2019, elenchi ammessi alla prova orale: aggiornamento del 23 maggio
telegram-scuolainforma-336x280

Ovviamente sarà determinante monitorare attentamente i portali degli atenei che organizzeranno questi corsi. Gli interessati potranno trovare le informazioni per l’iscrizione, che dovrebbe aggirarsi tra i 120 e i €150, per partecipare ai test preselettivi formulati con 60 quesiti a risposta multipla.

Requisiti secondaria

Il decreto afferma, relativamente ai requisiti di accesso alla scuola secondaria:

il possesso dei requisiti previsti al comma 1 o al comma 2 dell’articolo 5 del decreto legislativo con riferimento alle procedure distinte per la scuola secondaria di primo o secondo grado comma 1 dell’art. 5

“laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso” + 24 CFU ”

Quindi la laurea deve essere “coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso”. Da ciò ne discende che per accedere al corso di sostegno il titolo deve essere comprensivo dei CFU utili per l’accesso alla classe di concorso. Deve cioè trattarsi di titolo idoneo all’insegnamento.