titolarità su scuola

Dal prossimo anno scolastico tutti i docenti titolari su ambito passeranno titolari su scuola.

I docenti, attualmente con incarico triennale su ambito, diventeranno automaticamente titolari nella scuola di attuale incarico. Pertanto non è necessario presentare richiesta.

Passaggi dal 27 febbraio 2019

I passaggi verranno predisposti tecnicamente da oggi 27 febbraio ma la titolarità su scuola sarà dal prossimo anno scolastico.
Pertanto il Miur ha avvisato gli istituti scolastici che alcune funzioni del sistema SIDI non saranno disponibili: “Per permettere lo spostamento della titolarità su sede del personale docente titolare su ambito in previsione dell’apertura delle domande Polis di mobilità di diritto, si comunica che il giorno 27/02/2019 non saranno disponibili le seguenti funzionalità del SIDI: gestione rettifica di titolarità; gestione incarichi triennali; gestione assegnazione ambito titolari senza sede; cancellazione cessazioni; gestione posizioni di stato”.

Chiusura operazioni prima della mobilità 

telegram-scuolainforma-336x280

Il Miur intende espletare la titolarità su scuola per tutti i docenti interessati prima delle operazioni di mobilità sia territoriale sia professionale. Questo a prescindere dalla partecipazione del docente alle operazioni di mobilità. Infatti, come si evince
dall’ art.6 (comma 8) del CCNL 16/18: “Prima di eseguire la mobilità, i docenti con incarico triennale , ivi inclusi i docenti con incarico triennale in scadenza al 31 agosto 2019, acquisiscono la titolarità sulla scuola di incarico. I  docenti titolari su ambito, privi di incarico su scuola, sono assegnati sulla provincia

Docenti in anno di prova con percorso FIT

I docenti in anno di prova al terzo anno del percorso FIT con supplenza annuale, in seguito all’esito positivo del periodo di formazione iniziale e prova, assumono la titolarità dall’a.s. 2019/20 nella scuola di servizio del corrente anno scolastico. In caso di contrazione di posti, il docente assume la titolarità su scuola su un posto tra quelli rimasti disponibili all’interno della provincia di riferimento, al termine delle operazioni di mobilità e comunque prima delle immissioni in ruolo.