Mobilità 2019/20, vademecum docenti e ATA: come si presenta la domanda
Mobilità 2019/20, vademecum docenti e ATA: come si presenta la domanda

La mobilità 2019/20 per docenti, educatori ed ATA (amministrativo, tecnico e ausiliario) della scuola è regolata dal CCNI. Il CCNI ha vigenza triennale e riguarderà gli aa.ss. 2019/2020–2020/2021–2021/2022. Le Ordinanze Ministeriali 202 e 203 dell’8 marzo 2019 danno attuazione alle norme contrattuali ed avviano le procedure che regolano i trasferimenti e i passaggi. La FLC CGIL ha creato un vademecum completo, che trovate in calce a questo articolo. Novità e date in un nostro precedente articolo.

Come presentare domanda di mobilità 2019/20

I docenti di ogni ordine e grado, il personale ATA e il personale educativo interessati a presentare domanda di mobilità 2019/20 territoriale, devono seguire la procedura su Istanze online. Simile procedura è obbligatoria per chi intende presentare domanda di mobilità professionale. Per le domande di mobilità sulle discipline specifiche dei licei musicali e per i docenti di religione cattolica, la compilazione avviene ancora su modello cartaceo, così come le domande oltre i prescritti termini, che dovranno presentare tutti gli eventuali soprannumerari.

Potrebbe interessarti:  Scuola, docente sospesa a Palermo ultime notizie: 'Perché hanno così tanta paura?'

Le tre fasi

La procedura di mobilità prevede tre fasi:

telegram-scuolainforma-336x280

1^ fase. Registrazione su Istanze online.

Ai fini della registrazione è necessario il possesso di una casella di posta elettronica …@istruzione.it NB: nel caso si risulti sprovvisti, effettuare l’operazione di registrazione prima possibile e/o verificare preventivamente la validità delle credenziali già in possesso.

2^ fase. Presentazione delle domande via web entro il termine di scadenza.

È possibile stampare copia del modello inoltrato e sarà possibile modificare la domanda presentata e gli allegati, entro il termine di scadenza .

3^ fase. Accertarsi che la domanda sia stata inoltrata.

Si consiglia di salvare la notifica pervenuta all’indirizzo di posta elettronica.

La presentazione della domanda, da indirizzare all’ufficio territoriale competente rispetto alla provincia di titolarità, permette di allegare le varie dichiarazioni:

  • servizio (allegato D),
  • continuità didattica (allegato F),
  • titoli, situazioni di famiglia, precedenze, ecc…

IL VADEMECUM FLC CGIL