Riceviamo e pubblichiamo un aggiornamento sulla vicenda dei docenti AFAM esclusi dal concorso riservato agli abilitati che si giunge direttamente dallo studio legale Santonicola. Il TAR Puglia ha emesso un’ordinanza cautelare con la quale un diplomato AFAM è stato riammesso alla partecipazione al transitorio riservato alla scuola secondaria.

Ordinanza cautelare

La decisione del T.A.R. BARI, Sezione Prima, riferita al ricorso amministrativo numero di registro generale 159 del 2019, ha riammesso un diplomato AFAM, patrocinato dai legali Aldo Esposito e Ciro Santonicola, già dichiarato abilitato in forza di statuizione della sezione lavoro (ed inserito nella seconda fascia delle graduatorie di istituto) al concorso 2018, fase transitoria, scuola secondaria, per la classe AC56.

Riepilogo della vicenda giudiziaria

telegram-scuolainforma-336x280

L’interessato, acquisita contezza circa la valenza abilitante del titolo AFAM posseduto, riconosciuta dalla Magistratura del lavoro, partecipava al concorso pubblico riservato ai soli docenti abilitati-scuola secondaria F.I.T.;

Al docente veniva consentito l’espletamento della prova orale di natura didattico-metodologica, non selettiva.

Sennonché, con Decreto del Direttore Generale, emesso dall’ U.S.R. di riferimento, il ricorrente si vedeva improvvisamente escluso dalla partecipazione al concorso e dalle graduatorie, per la classe di insegnamento interessata.

A questo punto, il Collegio Giudicante T.A.R. BARI Sezione Prima, Presidente dott. Angelo Scafuri, all’esito della Camera di consiglio, ha disposto (in data 07 marzo 2019) la riammissione al concorso.

L’importanza della pronuncia

La citata ORDINANZA COLLEGIALE, anche avallata da ulteriori esiti cautelari di analogo tenore, provenienti dalla Sezione Terza Bis T.A.R. Lazio, fa emergere che:

  • il riconoscimento dell’abilitazione deriva dall’equipollenza con il titolo di studio, disponendosi, quale effetto conformativo, l’inserimento del ricorrente nelle graduatorie di seconda fascia;
  • tale accertamento comporta una sostanziale unificazione tra il titolo di studio, comunque conseguito prima del 31.5.2017 – data di entrata in vigore del d.lgs. 59/2017 e presupposto di applicazione dell’art. 17, comma 3 di tale decreto – e il titolo abilitante;
  • di conseguenza, sussiste il requisito previsto dall’art. 17, comma 3 del d.lgs. 59/2017 (norma espressamente richiamata dall’art. 3, comma 1 del bando di concorso per quanto concerne i requisiti di ammissione), secondo cui la procedura concorsuale è riservata ai docenti in possesso, alla data di entrata in vigore del presente decreto, del titolo abilitante all’insegnamento nella scuola secondaria.

Il tutto, pur in presenza di orientamenti cautelari, provvisoriamente negativi, provenienti da altri T.A.R. Locali.

Chi desidera ottenere informazioni per accedere allo specifico ricorso potrà utilizzare i seguenti canali di contatto :

Indirizzo mail segreteriasantonicola@scuolalex.com

Numero WhatsApp 3661828489