Scuola, ministro Bussetti torna a parlare di professione docente e ruolo educativo
Scuola, ministro Bussetti torna a parlare di professione docente e ruolo educativo

Il ministro dell’istruzione, Marco Bussetti, è tornato a parlare di insegnanti ed, in particolar modo, dell’importanza del ruolo educativo dei docenti. Il numero uno del dicastero di Viale Trastevere ne ha parlato in occasione di una visita a Santarcangelo di Romagna.

Bussetti ribadisce il proprio punto di vista sulla professione docente

Come riportato da Orizzonte Scuola, il ministro dell’istruzione ha sottolineato come la scuola sia chiamata a lavorare sull’orientamento, guardando con attenzione alle attitudini dei ragazzi, al tesoro che c’è dentro di loro da esprimere in futuro’
Il numero uno del Miur, poi, ha ribadito ancora una volta il suo punto di vista in merito alla professione dell’insegnante, il quale è chiamato a valutare non la persona ma la preparazione in una materia o in una determinata disciplina.

Potrebbe interessarti:  Docenti: continua l'odissea degli idonei al concorso 2016

‘Ideologia e propaganda non devono entrare nella scuola’

‘La scuola deve essere un luogo di formazione di coscienze libere, critiche, curiose e aperte al mondo – ha concluso il ministro Bussetti, sottolineando come ‘l’ideologia e la propaganda non devono entrare nella scuola: la passione politica è un valore e la scuola deve fornire le conoscenze storiche e culturali indispensabili alla creazione di coscienze libere di esprimersi e orientarsi nella società’.