Scuola, Ok concorsi ma arriva il 'No alle classi pollaio'
Scuola, Ok concorsi ma arriva il 'No alle classi pollaio'

Meno alunni per classe, questo lo slogan ribadito dall’onorevole Lucia Azzolina su Facebook. La deputata pentastellata sottolinea il fatto che il Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, abbia evidenziato la necessità di affrontare una questione importante, un tema chiave come quello della dispersione scolastica e del sovraffollamento delle classi.

Lucia Azzolina sulle classi pollaio

Il Movimento 5 Stelle, come sottolineato da Lucia Azzolina, ha definito ‘faro irrinunciabile la qualità dell’esperienza formativa e l’urgenza in tanti territori del Paese di strappare i nostri giovani ai pericoli della strada’.
La deputata pentastellata ha ribadito l’impegno del Movimento 5 Stelle in merito alla proposta di legge riguardante le cosiddette ‘classi pollaio’, un tema sul quale il partito dei grillini sta lavorando dal primo giorno della legislatura. All’interno della proposta, c’è l’assunzione di 2.000 insegnanti per poter estendere il tempo pieno.

Classi pollaio: ‘Stabilire corretto rapporto insegnanti-alunni’

‘Il reclutamento di 70mila docenti è un importante passo in questa direzione – ha dichiarato l’onorevole Azzolina – ma per dare un segnale forte dobbiamo individuare quantomeno le risorse necessarie a stabilire un corretto rapporto insegnanti-alunni nelle classi prime della scuola secondaria superiore, che sono a rischio dispersione scolastica.’

Potrebbe interessarti:  Docenti e personale ATA, 'il mal di scuola sta facendo stragi, stiamo superando il limite'
Un tema, quello delle classi pollaio, che spesso viene tirato in ballo ma sul quale, purtroppo, sinora si è fatto poco o nulla: ci auguriamo che non sia il solito ‘fuoco di paglia’, uno dei possibili ‘fuochi di paglia’ che si moltiplicheranno con l’approssimarsi della campagna elettorale per le prossime elezioni europee.