Il prossimo concorso per il reclutamento dei docenti della scuola secondaria sarà abilitante. I docenti ITP, cui la giustizia amministrativa non ha riconosciuto il valore abilitante del diploma, si trovano a compiere una scelta forzata considerando che i requisiti previsti per la partecipazione escludono i docenti di alcune cdc. Alla luce di questa realtà analizziamo quali sono le materie di insegnamento per le quali il Miur non ammette più inserimenti nelle graduatorie attuali.

Chi potrà partecipare

Gli insegnanti tecnico pratici che potranno partecipare al prossimo concorso ordinario saranno tutti quelli considerati in possesso del requisito dell’ abilitazione. Questi è costituito dal diploma di accesso alla classe della scuola secondaria superiore indicato nella tabella B del DPR 19/2016 modificato dal Decreto n. 259/2017. La misura sarà valida fino a tutto l’anno scolastico 2024/25. Oltre che sui posti comuni potranno partecipare, se provvisti di specializzazione, anche alle procedure concorsuali dedicate agli insegnanti di sostegno. Per le altre cdc, considerate dal ministero ad esaurimento, non verranno messi posti a bando; vediamo dunque di quali si tratta.

Elenco delle classi di concorso ad esaurimento

Le classi di concorso che rimarranno escluse dal prossimo bando per il reclutamento dei docenti di scuola secondaria sono le seguenti:

  • A-66 trattamento testi, dati ed applicazioni. Informatica ex A076
  • A-76 Trattamenti testi, dati ed applicazioni, informatica, negli istituti professionali con lingua di insegnamento slovena ex A086
  • A-86 Trattamenti testi, dati ed applicazioni, informatica, negli istituti professionali lingua tedesca e con lingua di insegnamento slovena ex A100
  • B29 Gabinetto fisioterapico ex C440
  • B30 Addetto all’ufficio tecnico; ex C010
  • B31 Esercitazioni pratiche per centralinisti telefonici;
  • B32 Esercitazioni di pratica professionale ex C555
  • B33 Assistente di Laboratorio ex C999 II GRADO PERS. I.T.P. (L.124/99,ART.8 COM.3).
telegram-scuolainforma-336x280

L’alternativa per i docenti di queste discipline sarà quella di valutare la partecipazione al prossimo concorso ordinario per un’ altra classe di concorso ritenuta “idonea” all’insegnamento.