Scuola, TFA Sostegno
Scuola, TFA sostegno

Svoltesi tra ieri e oggi le prove selettive per il TFA sostegno. Per la secondaria di primo grado i numeri degli aspiranti vanno oltre qualsiasi previsione. Ben 3249 domande per soli 200 posti per secondaria II grado all’Università di Macerata, 1731 posti per 200 posti di secondaria di I grado.

Un altro esempio? L’Università Suor Orsola Benincasa II grado, 6356 domande per 270 posti, secondaria di I grado 2211 domande per 110 posti. Numerosi docenti provvisti di titolarità lontano dalle proprie ragioni, si sono messi alla prova tentando il test. Nastrini Liberi Uniti, associazione vicina ai docenti in generale, si è posta avanti per denunciare quella che viene definita: ‘Un’enorme ingiustizia’.

TFA sostegno: i motivi del malcontento

Nastrini uniti fa notare come in passato il TFA sostegno fosse aperto solamente a quei docenti in possesso di abilitazione all’insegnamento. Da quest’anno esso sarà permesso anche a coloro che hanno solamente i 24 CFU conseguiti in ambito psico-socio pedagogico perseguiti presso qualsiasi genere di Università, oppure la laurea più tre anni di servizio. Per quanto riguarda i docenti tecnico pratici basterà solamente un diploma di scuola superiore.

E’ opportuno un percorso formativo iniziale

Il punto principale di indignazione di Nastrini Liberi Uniti riguarda il fatto che questa volta non sia stato necessario attivare corsi di specializzazione per docenti che avevano già alle spalle un percorso formativo-selettivo ed ovviamente l’abilitazione all’insegnamento. Per Nastrini Uniti si tratta di ‘un’enorme ingiustizia’.

Secondo Nastrini Liberi Uniti è legittimo che a docenti di ruolo sia richiesto di partecipare a percorsi di selezione nonostante l’abilitazione all’insegnamento, anche perché (in nome della sincerità) possiamo notare come i posti siano davvero limitati. Tuttavia, per l’associazione non è accettabile l’accesso sia ulteriormente reso difficile, dando la possibilità anche ai non abilitati. 

Eppure, pare che ci sia stato chi si è stupito dell’alto numero degli aspiranti. L’accesso è libero, basta alla fine essere solo laureati. Questo ha causato un ulteriore ingorgo che renderà più ardua la possibilità di accedere al corso di specializzazione.

Qui di seguito il comunicato originale di Nastrini Liberi Uniti

CS-CORSO-SOSTEGNO-INDIGNAZIONE-DEI-DOCENTI-ESILIATI-1