Stipendi NoiPA, quali sono gli aumenti attesi a giugno 2019?
Scuola, aumenti stipendi docenti e Ata
Rispetto al 2008, un professore guadagna mediamente mille euro in meno ogni anno. La questione degli aumenti degli stipendi per il personale scolastico è tra le più urgenti, considerando soprattutto il fatto che i docenti italiani hanno una busta paga tra le più basse d’Europa. Secondo uno studio effettuato dalla Flc-Cgil, la spesa statale destinata ai docenti e al personale Ata, nel 2017 è addirittura molto al di sotto rispetto a quella sostenuta nel 2008: ben 4 miliardi di euro in meno. Dieci anni fa, infatti, si spendevano 46.492 milioni di euro mentre nel 2017 la spesa ammontava a 42.302 milioni.

Rinnovo contratto e aumento stipendi: i dati sconcertanti sulle buste paga del personale scolastico

La conseguenza diretta è evidente se si confrontano gli stipendi medi annui del personale: dieci anni fa, la busta paga media annuale era di 29.280 euro, nel 2017 l’importo è sceso a 28.440 euro. In buona sostanza, tra il 2008 e il 2017, anziché esserci un aumento per effetto del costo della vita, abbiamo assistito ad un calo degli stipendi del 2,9%, un calo che pesa ancora di più se consideriamo che l’inflazione ha toccato l’11,2 per cento.
Il contratto firmato un anno fa relativo al comparto Istruzione e Ricerca ha aumentato gli stipendi del 3,48%: secondo la Flc-Cgil, si è trattato di un passo avanti ma non è ancora sufficiente se si considera quanto si è perso in tutti questi anni.

Aumento stipendi personale scolastico tra i temi dell’incontro Governo-sindacati di oggi, 23 aprile

L’incontro in programma questa sera a Palazzo Chigi, con il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti ma soprattutto con la presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non potrà fare a meno di trattare questo importantissimo tema, anche e soprattutto alla luce del prossimo sciopero generale indetto per il 17 maggio.
Saranno da valutare le risposte alle questioni che sono alla base dello sciopero generale del 17 maggio – ha spiegato il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi – uno sciopero indetto unitariamente su quattro punti ben precisi, intrecciati fortemente tra loro, che meritano risposte ed atti concreti.’