Salvini
Autonomie regionali

Il tema dell’Autonomia Regionale della scuola ritorna alla ribalta, alla vigilia di uno sciopero contro una regionalizzazione che non riesce a trovare il consenso unanime della politica, nel contesto di una intervista che il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha rilasciato al Corriere della Sera. Il numero 1 della Lega ha parlato anche di altre questioni collegate ai temi della Giustizia, del reddito di cittadinanza e di quota 41. Nella stessa sede il vicepremier ha ribadito la volontà di proseguire insieme all’alleato pentastellato perché le cose da fare sono ancora tante. “Non esiste una maggioranza alternativa“, confermando la sua presenza al prossimo Consiglio dei ministri di lunedì.

Su autonomia si prosegue

Il messaggio che Salvini ha inteso mandare a tutte le opposizioni che puntano sui dissidi tra M5S e Lega per far cadere il governo, sono del tutto inutili. Alla domanda che il giornalista del Corriere della Sera, Marco Cremonesi, ha rivolto al Ministro degli Interni, ha risposto che le cose da fare sono ancora tante. ” Non esiste una maggioranza alternativa. Per dire: l’obiettivo non è quota 100, è quota 41: se hai lavorato per 41 anni, vai in pensione. E poi la riforma della giustizia, della scuola, l’autonomia, la riforma fiscale”. Entrando nel dettaglio della riforma della scuola, Salvini ha spiegato meglio i termini della questione.

Potrebbe interessarti:  Scuola, parla la docente sospesa a Palermo: ecco le sue parole per il ministro Salvini

I freni all’accordo

Questo è il passaggio dell’intervista sul Corriere dove si capisce meglio il concetto espresso dal vicepremier leghista.

telegram-scuolainforma-336x280

Corriere della Sera: Lei stesso ha parlato delle autonomie regionali. Mentre il premier Conte sostiene che ancora non c’è l’accordo. Non è un problema?

Salvini “Certo. Le autonomie sono pronte da molte settimane, ci sono tutti i pareri. Ma quale accordo politico manca?”. Ma sulle autonomie regionali il consenso manca anche all’interno della stessa classe docente che per questo motivo, venerdì prossimo 17 maggio, sarà presente allo sciopero con un presidio in piazza Montecitorio.

 

FONTE: CORRIERE DELLA SERA