Scuola, assegnazioni provvisorie ultime notizie: ecco la nota Miur e da quando fare domanda
Scuola, assegnazioni provvisorie ultime notizie: ecco la nota Miur e da quando fare domanda

I sindacati FLC CGIL, CISL FSUR federazione UIL Scuola RUA, SNALS Confsal, Gilda-Unams hanno annunciato, attraverso la pubblicazione di un comunicato congiunto, la sottoscrizione di un’intesa con il Ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in merito alla questione riguardante il reclutamento dei precari e l’accesso a un percorso abilitante speciale.

Precariato, firmata intesa Miur-sindacati su PAS e fase transitoria

L’accordo, secondo quanto indicato dalla nota ufficiale, prevede una procedura riservata e semplificata che dà accesso al 50% dei posti disponibili per il concorso ordinario e un percorso abilitante speciale senza selezione in ingresso.

Il PAS sarà:

  • aperto a tutti i docenti con tre annualità di servizio nelle scuole statali, paritarie e percorsi di istruzione e formazione professionale limitatamente all’obbligo scolastico
  • attivato entro e non oltre il 2019
  • articolato su più cicli annuali
  • aperto alla partecipazione anche del personale di ruolo e ai dottori di ricerca.

La procedura del concorso straordinario finalizzata alla stabilizzazione prevede:

  • l’accesso ai docenti con tre annualità di servizio nella scuola statale maturate negli ultimi 8 anni
  • il requisito di avere svolto almeno 1 anno di servizio nella classe di concorso specifica per la quale si concorre
  • la valorizzazione del servizio prestato
  • una prova scritta computer based
  • una prova orale non selettiva
  • la procedura conferirà a tutti i vincitori l’abilitazione.
Potrebbe interessarti:  Decreto salvaprecari, l'opinione dei docenti: il sondaggio

Si tratta di una soluzione – si continua a leggere nella nota – di rilievo rispetto al tema della reiterazione dei contratti a termine nella scuola statale, che risponde alle richieste e alle aspettative del personale di cui le organizzazioni sindacali si sono fatte interprete.

Le organizzazioni sindacali esprimono quindi soddisfazione per gli esiti della trattativa, che si è conclusa con una mediazione positiva che è riuscita a tenere insieme gli interessi dei lavoratori coinvolti con le esigenze di funzionamento della scuola.