L’onorevole Carmela Ella Bucalo ha criticato l’atteggiamento del governo in occasione della votazione del Decreto Crescita. Sotto accusa c’è l’orientamento sfavorevole all’attivazione di corsi Pas Sostegno. Forti le perplessità relative al rinvio della fase transitoria rivolta ai docenti precari con 36 mesi di servizio. L’onorevole Bucalo ha affidato ad un post il compito di esprimere tutta la sua delusione causata dal respingimento di alcuni suoi ordini del giorno.

notizie-scuola-banner-300x250

Il post

Loading...

SEMPRE A PROPOSITO DI SCUOLA…

Sempre durante la discussione e relativa votazione (come ho già riferito ieri), per la conversione in legge del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, recante misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi ho presentato tre Ordini del Giorno che riguardavano la #scuola. Orbene, una maggioranza sempre più indifferente ai reali problemi del Paese, li ha dichiarati INAMMISSIBILI.

Nello specifico, impegnavo il governo:

1. a valutare l’opportunità di procedere alla stabilizzazione dei precari della scuola, in ossequio alla direttiva europea 1999/1970/CE ed alle reali esigenze del sistema istruzione, e l’accesso ad un concorso riservato, in parallelo all’attuazione di concorsi ordinari selettivi, riservato ai docenti che abbiano maturato 3 anni di servizio;

2. a valutare l’opportunità di prevedere un percorso abilitante per il sostegno, volto alla stabilizzazione di tali docenti, nonché ad assicurare agli studenti con disabilità personale specializzato.

Maggioranza e #governo, come ho più volte detto dimostrano ogni giorno che passa di essere insensibili ai problemi della scuola e di chi giornalmente ci lavora. Chi ha in mano le sorti dell’Italia, in concreto fino ad oggi, non ha fatto nulla per risolvere i molteplici problemi, in compenso tante promesse, innumerevoli spot e ancora tavoli e tavoli tecnici. Da parte mia continuerò a lottare e condannare pubblicamente tutti quegli episodi che a mio avviso penalizzano una delle più importanti e fondamentali ISTITUZIONI del nostro Paese.

Il Video