Mobilità 2019/20, scoperti in tutte Italia 945 movimenti errati
Mobilità 2019/20, scoperti in tutte Italia 945 movimenti errati

Ultime notizie 27/06/2019 sulle operazioni di mobilità annullate – Un comunicato stampa della CISL Scuola, pubblicato nella tarda serata di venerdì 27 giugno, fa luce sul numero esatto (numero fornito dal Miur) relativamente alle operazioni di mobilità che presentano anomalie. Si tratta di un totale di 945 operazioni di mobilità errate e quindi da annullare in tutta Italia.

Il dato ufficiale del Miur sul numero delle operazioni di mobilità annullate

A tale precisione non corrispondono tuttavia le esatte cause. Una cosa è certa: se il problema non fosse stato evidenziato dai sindacati, gli errori, quasi un migliaio, non si sarebbero mai rilevati e soprattutto non si sarebbe sollevato tutto questo polverone, manifestatosi proprio in queste ore su tutto il territorio nazionale.

Questa notizia infatti ha causato molta trepidazione tra quegli insegnanti che finalmente dopo tanto tempo sono stati accontentati per ciò che attiene ai loro trasferimenti. Panico, rabbia e preoccupazione sono le sensazioni e gli stati d’animo che aleggiano tra coloro che, quasi con incredulità, nelle scorse ore avevano esultato, fino al punto di recarsi presso il proprio locale di fiducia per festeggiare il rientro nella loro provincia di residenza.

Sono 925 le operazioni di mobilità annullate o rettificate: tutti i numeri suddivisi per ordine e grado di scuola

telegram-scuolainforma-336x280

Ma vediamo nel dettaglio le cifre e i numeri delle istanze di mobilità errate e/o annullate/rettificate che ha dichiarato il Miur. Si tratterebbe di ben 352 domande di mobilità annullate:

  • 8 domande riguarderebbero la scuola dell’infanzia;
  • 14 la scuola primaria;
  • 187 la scuola secondaria di I grado;
  • 143 per la scuola secondaria di II grado.

Ulteriori 573 operazioni, così come conferma il Miur, risulterebbero già rettificate.

Rimane un mistero il fatto che da un lato la somma matematica dia come totale 925, mentre il comunicato della CISL Scuola parla di un totale pari a 945. Al conteggio mancherebbero di fatto 20 operazioni di mobilità annullate.

Un altro mistero, infine, è rappresentato dalla causa di tutte queste anomalie. E non sono affatto poche. Il dato è abbastanza preoccupante visto che altre operazioni sono previste già nelle prossime settimane, come per esempio le assegnazioni provvisorie.

Un precedente gravissimo come quello occorso in questi giorni potrebbe portare ad innumerevoli ricorsi tra i docenti. L’Amministrazione, in ogni caso, dovrà approfondire quanto accaduto e fornire al più presto tutte le opportune motivazioni, mettendo al primo posto quello che si chiama in gergo trasparenza burocratica e amministrativa.