La scuola saluta Bussetti senza rimpianti: i numeri di un fallimento annunciato
La scuola saluta Bussetti senza rimpianti: i numeri di un fallimento annunciato

La questione relativa al progetto della Lega riguardante la regionalizzazione e l’autonomia differenziata continua ad essere al centro del dibattito politico. Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha affermato che il Governo riuscirà a convincere tutti (sindacati compresi) in merito alla funzionalità e all’efficienza del progetto ma i pareri negativi continuano a farsi sentire a gran voce.

notizie-scuola-banner-300x250
La Gilda degli Insegnanti, attraverso un comunicato, ha accolto favorevolmente la ‘fumata nera’ arrivata al termine del vertice di Governo, tenutosi l’altro giorno, proprio a proposito dell’autonomia.

Gilda sulla regionalizzazione: ‘C’è un impegno messo nero su bianco’

Il sindacato sottolinea, ancora una volta, come la strada della regionalizzazione sia da ritenersi impraticabile per il sistema di istruzione, ribadendo che la scuola debba restare una e indivisibile.
La Gilda ha ricordato anche che, in occasione dell’intesa siglata lo scorso 24 aprile tra Governo e sindacati, si era stabilito che la scuola doveva essere lasciata fuori dalla partita della regionalizzazione. C’è un impegno formale, messo nero su bianco, dopo una lunga trattativa durata una notte intera e un accordo firmato dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e dal ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti.

‘Bussetti sta sprecando fiato’

Loading...

‘Bussetti ha il dovere istituzionale di difendere l’unità nazionale del sistema scolastico – si legge nel comunicato della Gilda – oltre al dovere di garantire lo stesso diritto all’istruzione dalle Alpi alla Sicilia. A un sistema basato su scuole di serie A e serie B continueremo sempre a dire no, così come rifiutiamo il modello del Trentino Alto-Adige che per noi non rappresenta affatto un esempio da imitare. Se il ministro Bussetti ha davvero intenzione di convincere i sindacati della bontà e della validità della regionalizzazione della scuola – conclude la Gilda nel suo comunicato – sappia che noi sarà solo fiato sprecato”.