Scuola, salvaprecari ultime notizie: concorso straordinario secondaria da 24mila posti, le probabili novità
Scuola, salvaprecari ultime notizie: concorso straordinario secondaria da 24mila posti, le probabili novità

Lo scorso venerdì si è concluso l’incontro al MIUR con i sindacati in merito alle assunzioni scuola 2019/2020, di cui la CISL scuola ha fatto un resoconto. Gli argomenti erano:

1) definizione della circolare relativa alle operazioni di inizio anno scolastico;

Loading...

2) costituzione dei “Gruppi per l’inclusione territoriale” (GIT), ex decreto legislativo 66/17.

Loading...

Esito incontro al Miur assunzioni scuola: i punti salienti

Dall’incontro al Miur circa le assunzioni 2019/20 nella scuola di docenti e ATA è emerso quanto segue:

  • i numeri dettagliati relativi alle operazioni di “immissione in ruolo” saranno comunicati nei primi giorni della prossima settimana (vedi i posti disponibili);
  • domani 16 luglio si terrà l’incontro con i Direttori Regionali per coordinare le varie operazioni;
  • l’Amministrazione ha dato la disponibilità ad affrontare la questione dei diplomati magistrali assunti in ruolo con clausola risolutoria ed ora in posizione utile per le assunzioni da graduatoria regionale del concorso straordinario. A tal proposito è stato sottoscritto un accordo di integrazione del CCNI sulle “utilizzazioni e assegnazioni provvisorie” in cui si prevede che i docenti assunti in ruolo da concorso straordinario, entro pochi giorni da tale operazione, possano fare domanda di utilizzo, anche interprovinciale, per il posto ricoperto nell’a.s. 2018/19;
  • nei primi giorni della prossima settimana si svolgerà l’informativa anche per quanto riguarda le assunzioni del personale ATA;
  • l’Amministrazione ha presentato il tradizionale “allegato A” contenente le istruzioni riguardanti le operazioni annuali relative alle “immissioni in ruolo”: di seguito le novità:
  1. I docenti che accettano da FIT non saranno immediatamente cancellati, ma solo in esito al positivo superamento della prova.
  2. Le compensazioni per il recupero degli esuberi non saranno più effettuate dal MIUR ma lasciate ai singoli uffici periferici per consentire il maggior numero di assunzioni possibile. Si ricorda, infatti, che in presenza di una situazione di esubero provinciale il sistema, negli anni passati, provvedeva a defalcare un posto destinato a ruolo da altre classi di concorso secondo un algoritmo che non teneva conto della presenza di candidati nella graduatoria relativa al posto defalcato. Quest’anno, invece, gli uffici riceveranno un tabulato dal quale risulteranno tutte le assunzioni possibili e gli eventuali esuberi e sarà lasciata loro la possibilità di “compensare” su classi di concorso eventualmente prive di candidati evitando così di deludere le aspettative assunzionali degli aspiranti.
  3. E’ stato modificato il punto A.11 delle note operative in ossequio ad una maggiore chiarezza espositiva.
  4. Tenuto conto, infine, che il prossimo 1° settembre (inizio dell’a.s. 2019/20) cadrà di domenica, si è chiesto che l’Amministrazione di provvedere per tempo per fare in modo che la decorrenza giuridico/economica del contratto sia fin da tale giorno.

GIT

Per il primo di settembre dovrebbero essere costituiti i GIT (Gruppi per l’inclusione territoriale). Le modifiche proposte al testo del decreto riguardo al GIT prevedono un forte ridimensionamento delle sue competenze e una nuova composizione dello stesso. Inoltre, l’indizione di una procedura di selezione dei docenti (di sostegno) necessari alla composizione degli stessi gruppi rischierebbe di comportare (in caso di esonero) una sottrazione alle scuole di docenti specializzati che si aggira intorno alle 400 unità.