Scuola, autonomia differenziata ultime notizie: M5S esulta ma 'resta un problema da risolvere'
Scuola, autonomia differenziata ultime notizie: M5S esulta ma 'resta un problema da risolvere'

La deputata del Movimento 5 Stelle, Lucia Azzolina, ha espresso tutta la propria soddisfazione per i risultati ottenuti contro la proposta della Lega per la regionalizzazione della scuola. Lo ha fatto attraverso un video pubblicato su Facebook. ‘La mia felicità – ha esordito Lucia Azzolina – sta nel fatto che, come Movimento 5 Stelle, siamo riusciti a garantire che il sistema nazionale di istruzione restasse unitario. Cosa significa? Significa che indipendentemente dal luogo in cui uno studente nasca o è già nato abbia diritto al medesimo livello di istruzione. Ci sono delle situazioni complesse nel Paese che riguardano indistintamente parti del Nord, parti del Sud e parti del Centro dove c’è una povertà educativa e culturale enorme che poi degenera in dispersione scolastica.

Regionalizzazione, Lucia Azzolina: ‘Ci siamo impegnati per evitare che la scuola diventasse un luogo di discriminazione’

‘E allora il modello di inclusione della scuola che ha il Movimento 5 Stelle cozzava indubbiamente con quello che poteva essere la distruzione del sistema scolastico nazionale unitario. Ecco perché – prosegue la ‘grillina’ – ci siamo impegnati così tanto per far si che la scuola non diventasse un luogo di discriminazione ma che restasse un luogo di inclusione, nel rispetto di alcuni principi della nostra Costituzione italiana che non possono essere scalfiti.’

Potrebbe interessarti:  Crisi di Governo, la Lega stacca la spina penalizzando la scuola? Il M5S la riattacca

‘Continuità didattica, servono più controlli’

‘Resta un problema – sottolinea Lucia Azzolina – che è quello della continuità didattica: ma la ricetta non sta nella regionalizzazione ma nei controlli. Bisogna fare controlli sulla legge 104, bisogna fare controlli su tutta una serie di cose. Le norme esistono e quindi si può intervenire nel rispetto di tutti quei docenti che lavorano in maniera serissima e dei nostri studenti’.