Riceviamo e pubblichiamo di seguito il comunicato stampa del M5S concernente l’interrogazione indirizzata al Ministro Bussetti in merito al rientro dei docenti vittime del famigerato algoritmo della buona scuola nelle regioni dove avevano inizialmente concorso.

Comunicato stampa

Roma, 22 luglio – “Ho inviato al Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Marco Bussetti un’interrogazione sulle conseguenze del famigerato ‘algoritmo’ che ha negato i diritti di molti docenti italiani. Insieme alle colleghe e ai colleghi della commissione Cultura chiediamo al ministro di sapere quali iniziative intenda prevedere per consentire ai docenti vincitori e idonei del concorso 2012 assunti nelle fasi B e C del piano di reclutamento della cosiddetta Buona scuola renziana, di ritornare a svolgere attività di docenza nella regione per la quale avevano concorso“. Lo afferma Rosa Alba Testamento, deputata del MoVimento Cinque Stelle in Commissione Cultura.

I docenti vincitori e idonei del concorso 2012, assunti nelle fasi B e C – continua la deputata pentastellata – sono stati tra i più penalizzati dal piano di reclutamento previsto dalla legge 107 e dai successivi movimenti di mobilità territoriale e professionale.

Questi docenti sono le vere vittime delle distorsioni prodotte dall’algoritmo che, basandosi sulla mera casualità, ha ignorato il merito e negato i diritti. Molti di loro, infatti, a differenza dei docenti iscritti nelle graduatorie a esaurimento, sono stati costretti ad accettare proposte di assunzione nelle regioni del Centro-Nord, lontani centinaia e in alcuni casi addirittura migliaia di chilometri dalle proprie famiglie, pena l’automatica esclusione dalle fasi successive del piano di reclutamento previsto dalla stessa Buona scuola, nonché la cancellazione da tutte le graduatorie cui erano iscritti. Per questo ritengo doveroso che si inizino a individuare le modalità più efficaci per favorire il rientro di tali docenti nelle regioni dove avevano inizialmente concorso” conclude Testamento.