Legge 104

Come la legge 104/92 influisce sul trattamento di pensione, ferie, TFR e tredicesima? Chi ne usufruisce per se o per un proprio caro, ha conseguenze sulla futura pensione, sulle ferie o altro?

Legge 104 e previdenza

Le giornate di permesso di chi ususfrisce della legge 104 godono  del riconoscimento automatico dei contributi da parte dell’INPS, per cui non compromettono né il diritto, né la misura della pensione. I permessi della 104/92 sono utili sia per il conteggio del periodo ai fini dell’accesso alla pensione, che per il calcolo dell’assegno. Cosa fare se ci si rende conto che non sono stati calcolati? E’ sufficiente fare richiesta all’INPS territoriale competente.

Legge 104, ferie, TFR e tredicesima

I permessi legge 104 non incidono nemmeno sulle ferie, il TFR e tredicesima mensilità. La contribuzione figurativa è accreditata senza oneri da parte del lavoratore. Diverso è il discorso per il congedo straordinario (legge 151). La normativa, in questo caso, specifica che durante la fruizione del congedo retribuito non maturano ferie, tredicesima mensilità e trattamento di fine rapporto. Vesi anche la normativa sull’esclusività ai fini della precedenza.

Potrebbe interessarti:  Legge 104: cosa succede quando il disabile è ricoverato?