Scuola, decreto salvaprecari ultime notizie: Pittoni 'Procede tutto allo stesso modo'
Il Presidente della Commissione Cultura al Senato, Mario Pittoni, ha pubblicato un breve messaggio all’interno del quale si cerca di spiegare quale dovrà essere il modo di operare del Governo per quanto concerne il Decreto Legge ‘Salvaprecari’, il testo legislativo che dovrà dare il via ai PAS (Percorsi Abilitanti Speciali) e al concorso straordinario riservato ai docenti con più di 36 mesi di servizio. La crisi di Governo, all’interno dei due partiti di maggioranza, Lega e Movimento 5 Stelle, sta mettendo in dubbio la concretizzazione di tale atteso provvedimento. Ecco perché il senatore Pittoni ha voluto puntualizzare alcuni aspetti, legati anche alla famosa clausola ‘salvo intese’ inserita nel testo che ha ottenuto il via libera dal Consiglio dei Ministri. Ecco cosa ha spiegato Pittoni.

Pittoni su Decreto Legge Pas e concorso straordinario: ‘Procede tutto allo stesso modo’

‘La formula “salvo intese”, presente nel decreto del Consiglio dei ministri che si occupa anche di scuola, consente da una parte di non sprecare le settimane di pausa estiva; dall’altra richiede il placet dei ministri interessati sul testo definitivo per la pubblicazione in Gazzetta ufficiale. Poi – spiega il senatore – che il Governo sia pienamente operativo o meno, procede tutto allo stesso modo. Per il risultato è cioè sufficiente una reale volontà politica, ovviamente non solo della Lega…’.

Potrebbe interessarti:  Crisi di governo, M5S: non è nostra la responsabilità del naufragio salvaprecari

Pittoni ha già ‘bacchettato’ alcune esponenti ‘grilline’

Ciò che ha voluto puntualizzare Pittoni è la necessità di ottenere una ‘reale volontà politica’ nel dar vita a tale provvedimento, lasciando intendere che il buon fine dell’iter legislativo non dipende dalla Lega. In un precedente post, il senatore leghista non aveva mancato di lanciare alcune frecciatine all’indirizzo di ‘esponenti grilline’ di cui non ha fatto il nome ma ampiamente riconducibili nella loro identità.