I casi di discriminazione sul posto di lavoro continuano ad affliggere il personale che lavora nella scuola. Non si salvano nemmeno i dirigenti scolastici che spesso si trovano sanzionati dagli uffici scolastici regionali per non essersi attenuti a direttive arbitrarie.

Il comportamento tenuto dagli USR è stato censurato dal giudice del lavoro di Cassino ti ha dato ragione ad una dirigente scolastica che si è opposta ad un trasferimento in un’altra scuola. La vicenda giudiziaria è stata riassunta dall’avvocato Pasquale Marotta che ha patrocinato il ricorso di una sua assistita.

Il comunicato dello studio legale Marotta

Accolto il ricorso di una Dirigente Scolastica che era stata trasferita d’ufficio. Rinviato a giudizio il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, Dr. Gildo De Angelis.

Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, Dr. De Angelis voleva a tutti i costi che la Dirigente Scolastica Graziano Maria Rosaria liberasse la sede dell’ Istituto Comprensivo “M.E. Scauro” di Minturno (LT). Per raggiungere lo scopo aveva disposto ben due ispezioni nella speranza che, i dirigenti tecnici incaricati, trovassero elementi per motivare il trasferimento. Ritenendo illegittimo l’operato del De Angelis, la Graziano chiese spiegazioni al Direttore Generale. Il De Angelis con ferocia verbale e apprezzamenti molto gravi sulla DS le intimava di chiedere il trasferimento e di presentare, quindi, domanda di mobilità volontaria.

Essendosi la Graziano rifiutata di chiedere la mobilità, il De Angelis, con provvedimento notificato il 31/08/2017, ad un giorno dall’inizio dell’anno scolastico, dispose il trasferimento d’ufficio della Graziano presso altra sede e precisamente presso L’istituto Comprensivo “Piedimonte San Germano”.

Il trasferimento fu impugnato dalla DS Graziano, con ricorso patrocinato dal noto avvocato amministrativista, Pasquale Marotta, e depositato presso il Tribunale di Cassino – Sezione Lavoro. Il Giudice del Lavoro adìto, con sentenza pubblicata il 03/04/2019, ha accolto il ricorso, dichiarando illegittimo il Decreto del Direttore Generale, recante il trasferimento d’ufficio della DS Graziano, ordinando allo stesso Direttore Generale di ripristinare l’incarico dirigenziale alla DS Graziano, presso la precedente sede e cioè l’Istituto Comprensivo “Marco Emilio Scauro” di Minturno (LT). Ciò nonostante il De Angelis non ha mai eseguito la sentenza. Ancora oggi la Graziano non è stata integrata nella sede di titolarità, nonostante una diffida al De Angelis anche da parte del Capo dipartimento del MIUR, Dr.ssa Carmela Palumbo.

A seguito di tale vicenda giudiziaria, il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, Dr. Gildo De Angelis, è stato rinviato a giudizio.