Anche quest’anno le supplenze a scuola saranno numerose. Il ministero non riuscirà a coprire tutti i posti rimasti vacanti dopo le operazioni di immissione in ruolo. Diversi dirigenti scolastici saranno costretti a ricorrere ad emanare annunci di ricerca per riuscire ad assegnare le supplenze necessari a garantire la regolarità dell’anno scolastico che sta per cominciare. Questa esigenza diventa pressante perché nelle graduatorie di istituto non ci sono più docenti da nominare. Ma quando si capisce che è arrivato il momento di rimettere la Mad?

Cosa è la Mad

Chi si affaccia per la prima volta al mondo dell’insegnamento spesso non sa che può rimettere Mad. La definizione corretta è domanda di messa a disposizione. In rete esistono diversi portali che assicurano di eseguire il servizio di recapito presso tutte le scuole italiane. In realtà non esiste una formula specifica. Basta semplicemente inserire poche e semplici indicazioni. Chi lo desidera potrà scaricare un modulo allegato in fondo all’articolo.

Convocazioni

Gli aspiranti supplenti docenti e Ata possono sapere quando iniziano le chiamate da graduatorie d’istituto verificando i siti degli Uffici scolastici provinciali, nei quali vengono pubblicate le note contenenti gli avvisi dell’esaurimento di determinate graduatorie, oppure le circolari con il giorno, gli orari e il luogo della convocazione.

Potrebbe interessarti:  Supplenze docenti e ATA: come sapere quando avvengono le chiamate da graduatorie e MAD?

Le convocazioni possono essere talvolta accentrate, ovvero effettuate in presenza di più candidati. Nel caso in cui l’interessato fosse contattato dalla singola scuola, questi dovrà aprire la propria posta elettronica per visualizzare il messaggio. Lì ci sono tutte le caratteristiche e le informazioni che riguardano la proposta della supplenza.

Le disposizioni emanate dal Miur per l’utilizzo della Mad

Qualora dopo lo scorrimento di tutte le graduatorie, ivi comprese quelle di circolo e di istituto, occorra ancora procedere alla copertura di posti di personale docente, i competenti dirigenti scolastici dovranno utilizzare le graduatorie delle scuole viciniori nella provincia.

All’atto dell’esaurimento della graduatoria di istituto, ivi comprese le graduatorie delle istituzioni scolastiche viciniori, il dirigente scolastico, in un’ ottica di trasparenza, pubblica gli elenchi di aspiranti docenti che abbiano presentato istanza di MAD (domanda di messa a disposizione).

Gli eventuali contratti a tempo determinato stipulati, a seguito di procedura comparativa, con aspiranti non inseriti in graduatoria e tramite le cd. MAD sono soggette agli stessi vincoli e criteri previsti dal regolamento, ivi incluse le sanzioni previste dall’articolo 8.

Domanda_Docenti_messa-a-disposizione-per-supplenza