Scuola, l'emozionante storia di un docente: Scuolainforma vuole augurarvi così un buon anno scolastico

Un nuovo anno scolastico è appena cominciato, tra molteplici dubbi, problemi e situazioni difficili da affrontare. Un anno in cui voi tutti lavoratori della scuola pubblica italiana non sarete esenti da difficoltà, da quelle problematiche che ogni giorno vi raccontiamo, cercando di dimostrare in ogni momento la nostra imparzialità e la nostra passione per il mondo della scuola. Per augurarvi un buon anno scolastico e un buon lavoro, abbiamo deciso di regalarvi una storia: si tratta di una storia semplice ma che, crediamo, possa riassumere in pochi minuti i veri valori di una professione, come quella del docente, tanto meravigliosa quanto bistrattata. Una professione che conserva, però, quel magico potere di saperci sorprendere, emozionare, persino commuovere, quando meno ce l’aspettiamo.

notizie-scuola-banner-300x250

La storia emozionante di un professore brasiliano: così Scuolainforma vuole augurarvi ‘Buon anno scolastico’

La storia che vi vogliamo raccontare è quella realmente accaduta in una scuola brasiliana, nella località di Brejo Santo. Il protagonista di questa toccante vicenda è Bruno Rafael, insegnante di arte alla Viana Arrais della Balbina State School: il docente non riceveva lo stipendio da due mesi e i suoi alunni, dopo aver appreso della sua precaria situazione, hanno organizzato una lotteria al fine di raccogliere dei fondi che sarebbero dovuti servire per aiutare il professore.

Bruno Rafael, al momento della ‘sorpresa’ dei suoi alunni, non è riuscito a contenere la propria emozione: il video, girato da uno degli studenti, è divenuto rapidamente virale e ha saputo emozionare profondamente migliaia e migliaia di persone in tutto il mondo. Vi invitiamo anche noi a vederlo, se non avete avuto ancora la possibilità di farlo, perché riteniamo che sia il modo migliore per iniziare il nuovo anno scolastico che ci attende. Con i migliori auguri da parte di tutta la redazione di Scuolainforma. Grazie.