Scuola e legge di bilancio 2020 ultime notizie: Fioramonti 'Fermi tutti! Serve più coraggio'

Il ministro dell’istruzione, Lorenzo Fioramonti, è intervenuto questa mattina alla trasmissione radiofonica ‘Circo Massimo’, in onda su Radio Capital.

notizie-scuola-banner-300x250

Tra i vari argomenti toccati dal numero uno del dicastero di Viale Trastevere c’è quello del precariato, una delle questioni più urgenti da risolvere considerando il ‘limbo’ in cui si trova ancora il decreto salvaprecari e la drammatica situazione delle cattedre rimaste vuote in questo inizio di anno scolastico 2019/2020.

Precariato, Fioramonti: ‘No alla mobilità affidata a un algoritmo’

Sul precariato, ‘sicuramente noi dobbiamo dare un segnale – ha dichiarato il ministro Fioramonti – abbiamo un decreto legge sulla scuola che io spero di portare in Consiglio dei Ministri a breve che ridà la possibilità a tanti precari storici di trovare un posto fisso. Penso, inoltre, che noi dobbiamo avere un sistema di mobilità volontaria che vada in una certa direzione. Non dev’essere certo affidato a un algoritmo che poi commette degli evidenti errori. Dobbiamo ottimizzare le risorse che abbiamo.’

Fioramonti: ‘Sì a mobilità volontaria dei precari su cattedre vuote, anche fuori regione’

‘Questo sistema va ottimizzato – ha proseguito Fioramonti – e non mi illudo che si possa ottimizzare in tempi rapidi. Però, se già noi aumentiamo le risorse, se noi aumentiamo le capacità dell’amministrazione di poter agire in maniera tempestiva, e diamo più mobilità ai docenti che vogliono realizzarla, perchè magari preferiscono, piuttosto che essere vacanti o precari in una regione, andare in ruolo e in cattedra in un’altra, se noi abbiamo tutte queste caratteristiche, magari nel giro di qualche mese o in un anno, possiamo alleviare questa sindrome del precariato e delle cattedre vacanti. E nel giro di qualche anno tornare entro livelli europei.’