Scuola, concorso straordinario ultime notizie: bando entro novembre ma è rischio discriminazioni
Scuola, concorso straordinario ultime notizie: bando entro novembre ma è rischio discriminazioni

Il bando per il concorso straordinario della scuola secondaria di primo e secondo grado dovrebbe partire entro novembre: queste le parole del neo ministro dell’istruzione, Lorenzo Fioramonti. Il decreto salvaprecari, con il testo rivisto e modificato, sarà presentato al Consiglio dei Ministri entro il prossimo 3 ottobre. Per quanto riguarda le modifiche, verranno introdotti dei criteri di ‘selezione e formazione’: Fioramonti sta studiando anche il capitolo riguardante l’avvio dei nuovi Pas con una forma di selezione ancora da definire. Tra i requisiti d’accesso, dovrebbero essere comunque confermati i 36 mesi di servizio prestati nell’arco degli ultimi otto anni.

notizie-scuola-banner-300x250

Bando concorso straordinario entro novembre

Il presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, ha commentato così la questione riguardante il decreto salvaprecari: ‘E’ bene che il ministro Lorenzo Fioramonti segua le nostre proposte: il concorso riservato ai precari storici va prima di tutto esteso alla primaria, ridotto a 24 mesi il servizio minimo, includendo anche quello svolto nella paritaria. Così come le graduatorie di istituto vanno assolutamente utilizzate anche per le assunzioni a titolo definitivo, trasformandole in liste provinciali.’

Si rischia di provocare altre discriminazioni

‘Allo stesso modo, va data facoltà ai vincitori e idonei dei concorsi ordinari e straordinari di spostarsi dove vogliono (un punto sul quale c’è già l’apertura del ministro), ai supplenti con contratto scaduto al 30 giugno scorso di rinnovare il contratto, e di salvare migliaia di neo-immessi in ruolo con riserva o licenziati che hanno pure superato l’anno di prova. Non seguire queste indicazioni – conclude Marcello Pacifico – produrrebbe di sicuro nuove discriminazioni, creando un ulteriore contenzioso in tribunale con richieste di stabilizzazione e risarcimenti danni’.