Scuola, sostegno ultime notizie: Lucia Azzolina accelera, un docente su 2 è precario
Scuola, sostegno ultime notizie: Lucia Azzolina accelera, un docente su 2 è precario

La situazione riguardante il sostegno nella scuola in primo piano tra i problemi più urgenti da risolvere. A questo proposito i deputati del Movimento 5 Stelle ritengono che bisogna intervenire al più presto con soluzioni efficaci, quali percorsi di specializzazione continuativi per la formazione dei docenti di sostegno, bandi di concorso regolari e continuativi e copertura delle cattedre vacanti e disponibili. A questo proposito, i ‘grillini’ rendono noto di aver presentato al governo una risoluzione a prima firma Rosa Alba Testamento, in modo tale che l’esecutivo possa impegnarsi a garantire un maggiore controllo del settore. Ecco il comunicato dei deputati del Movimento 5 Stelle.

Il M5S in pressing sul governo

‘Molte famiglie italiane con bambini e ragazzi in situazioni di disabilità devono scontrarsi tristemente con le inadempienze e le carenze di un sistema scolastico che non riesce ad assicurare la copertura delle cattedre scoperte per l’assenza di insegnanti di sostegno. Anche l’anno scolastico 2019-2020 – proseguono gli esponenti del partito pentastellato – si sta caratterizzando per l’assenza del personale docente di sostegno con conseguenti disagi sia per gli alunni che per le famiglie, sempre più preoccupate dall’incertezza e della dubbia presenza di tale vitale figura per il proprio figlio. Si tratta di una situazione d’emergenza, anche per gli stessi insegnanti che sono costretti a districarsi in una giungla di mancate risposte e ritardi nell’assegnazione delle cattedre.’

Le richieste al governo sul sostegno

‘Vogliamo immediatamente intervenire sulla questione – proseguono i ‘grillini’ – e per questo abbiamo presentato una risoluzione a prima firma della collega Rosa Alba Testamento affinché il governo si impegni a garantire maggiore controllo del settore. Vogliamo che ci siano percorsi di specializzazioni continuativi per la formazione dei docenti di sostegno, attraverso la promozione di modelli didattici inclusivi. Occorre rassicurare le famiglie sulla presenza di tale personale, attraverso la pubblicazione di numerosi bandi di concorso, che possano essere continuativi nel tempo, per assicurare l’effettiva copertura delle classi e delle cattedre vacanti e disponibili. Si tratta di un problema enorme che arreca disagi reali a cui occorre porre urgentemente rimedio. L’inclusione degli alunni diversamente abili è una priorità per il MoVimento 5 Stelle per questo siamo intenzionati a risolvere rapidamente il problema’.