Decreto scuola e diplomati magistrale: cosa cambia dopo l'intervento della Commissione Bilancio
Decreto scuola e diplomati magistrale: cosa cambia dopo l'intervento della Commissione Bilancio

Tra le modifiche proposte per il decreto scuola, attualmente in discussione, c’è quella che deve tutelare i diplomati magistrale assunti con riserva in GaE, ma che poi sono stati destinatari di sentenze negative. L’emendamento al decreto è frutto dell‘intesa firmata tra Miur e sindacati il 18 ottobre scorso.

Intesa Miur-sindacati su diplomati magistrale

L’intesa firmata con i sindacati prevedeva che il Miur si impegnasse a trovare un idoneo vincolo normativo a favore dei diplomati magistrale, in modo che i contratti che andrebbero sciolti al 30 giugno 2020, potessero essere estesi. La soluzione, però, doveva anche salvaguardare i diritti dei docenti utilmente collocati, per l’a.s. 2019/20, per le assunzioni (se non ci fosse stata l’assunzione con riserva dei colleghi). Di seguito, la copia dell’Intesa firmata.

La modifica sarà proposta il 25 novembre prossimo in Aula.