Scuola, imbarazzo a Firenze per manifesto scandalo vicino alle elementari

La curiosa vicenda è accaduta a Firenze: al centro delle polemiche un cartellone pubblicitario riguardante un locale sexy, ‘l’Excelsior’ di San Donnino. Questo cartellone, infatti, è stato posizionato in Viale Canova, proprio a pochi passi dalla scuola elementare ‘Martin Luther King’: il manifesto, riportante immagini piuttosto ‘esplicite’, pubblicizza gli eventi di dicembre del noto locale di strip tease. Naturalmente, l’episodio sta suscitando clamore, anche perché richiama l’attenzione su pornostar, inviti a ‘cenoni erotici’ e ‘lap dance’.

Il cartellone a luci rosse a pochi passi dalla scuola elementare

Come riporta l’edizione online del Corriere Fiorentino, il preside dell’istituto comprensivo Barsanti, Marco Menicatti, ha avuto modo di commentare l’imbarazzante vicenda: ‘C’è poco da dire: per una questione di opportunità, sarebbe stato meglio non piazzarlo proprio lì. Non è bigottismo, ma sensibilità. Certo, i bambini oggigiorno vedono di tutto e quello non è comunque un manifesto osceno. Però…’.
Il dirigente scolastico, poi, ha espresso un suo pensiero dubbioso: ‘Forse voleva essere un’operazione di marketing, una provocazione fatta apposta per farne parlare? Se invece fosse un’affissione casuale, con i privati che gestiscono la cartellonistica ignari della scuola, il Comune dovrebbe rivedere un po’ le regole. Non è stata una bella figura. La rimozione? Se il consiglio formato dai genitori lo volesse, la chiederei, ma per ora nessuno ha protestato’.

Loading...

La risposta del Comune di Firenze

Il Comune di Firenze ha risposto sottolineando come le norme pubblicitarie non prevedono divieti legati alla vicinanza con le scuole, come nel caso dei divieti legati alla presenza delle slot machine, bensì solo vincoli sui contenuti degli spot.
Il Comune ha commentato: ‘Il cartellone era già stato segnalato, sono in corso dei controlli della Municipale’. L’articolo 10 del regolamento, però, prevede il divieto di ‘messaggi che richiamino la mercificazione del corpo, che veicolino immagini allusive o che facciano esplicito riferimento a spettacoli a sfondo erotico’.