Oggi al Senato si vota la fiducia al Decreto Scuola. Ieri era stata data la notizia che tutti gli emendamenti erano stati rifiutati, probabilmente per mancanza di tempo. Ciò significa che il testo che dovrebbe ricevere la fiducia è lo stesso approvato dalla Camera dei deputati il 3 dicembre. Cosa contiene?

Contenuti Decreto scuola: concorsi, assunzioni e graduatorie

I provvedimenti contenuti nel decreto scuola riguardano:

  • Concorso straordinario per la scuola secondaria: partecipano i docenti con 3 anni di servizio (tra il 2008/09 e l’a.s. 2019/20) nella scuola statale o paritaria o IeFP o progetti regionali e i docenti di ruolo. Al bando 24mila posti.
  • Concorso ordinario per la scuola secondaria: sarà bandito contestualmente a quello straordinario.
  • Accesso con con riserva ai concorsi degli specializzandi del IV ciclo TFA, se il titolo è conseguito entro il 15 luglio 2020.
  • Concorso insegnanti religione cattolica entro il 2020.
  • Concorso Dirigenti Scolastici.
  • Concorso Dirigenti Tecnici: per titoli ed esami, per il reclutamento.
  • Concorso assistenti amministrativi facenti funzione DSGA con laurea.
  • Abilitazione tramite concorso straordinario.
  • Acquisizione delle competenze su didattica digitale e programmazione informatica per gli insegnanti.
  • Recupero dei posti Quota 100 non assegnati a settembre 2019 per le immissioni in ruolo.
  • Modalità assunzioni dal 1° settembre 2020: 50% GaE + 50% concorsi, call veloce, fascia aggiuntiva per vincitori e idonei concorso 2016, proroga un anno graduatorie concorso 2016.
  • Vincolo di cinque anni di permanenza nella scuola di assunzione per i docenti neoimmessi in ruolo dal 1° settembre 2020.
  • Graduatorie di istituto trasformate in graduatorie provinciali.
  • Riapertura terza fascia delle graduatorie di istituto.
  • Mantenimento della supplenza fino al 30 giugno per i diplomati magistrale.
  • Assunzioni ex appalti pulizia nel profilo dei collaboratori scolastici.

Altri provvedimenti

Altri provvedimenti del testo sono:

  • Esclusione dalla rilevazione biometrica delle presenze per Dirigenti Scolastici e ATA.
  • Incremento della dotazione del «Fondo “La Buona Scuola” per il miglioramento e la valorizzazione dell’istruzione scolastica.
  • Bonus merito esteso ai precari.
  • Possibilità di attivare un supporto educativo temporaneo nelle scuole dell’infanzia paritarie comunali che non riescono a reperire personale docente abilitato per le sostituzioni.
  • Stabilizzazione dei lavoratori titolari di contratti attivati dall’ufficio scolastico provinciale di Palermo.
  • Nessun incrementi di organico per l’Ed. civica.
  • Semplificazione delle procedure di alcuni acquisti da parte delle università, delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica e degli enti pubblici di ricerca.
  • Docenza universitaria: passa da 6 a 9 anni la durata dell’abilitazione scientifica nazionale e la facoltà di chiamata nel ruolo di professore di I e II fascia è prorogata.
  • Disposizioni specifiche per gli enti pubblici di ricerca in materia di assunzione a tempo indeterminato di dipendenti con rapporti a termine.
  • Riduzione per il 2019 dello stanziamento per il tutoraggio nelle università di docenti in servizio presso istituzioni scolastiche.