Governo Draghi, Meloni critica Patrizio Bianchi: 'Ministro fotocopia di Azzolina in salsa PD'

La notizia non è certo arrivata come un fulmine a ciel sereno in quanto già da tempo si parlava di possibili dimissioni da parte del ministro dell’istruzione, Lorenzo Fioramonti. Tutta una serie di circostanze hanno portato l’esponente del dicastero di Viale Trastevere a lasciare la ‘poltrona’ ed, ora, naturalmente, c’è curiosità di sapere quali possibili risvolti politici causerà questa decisione.
Le prime reazioni politiche sono piuttosto critiche, in particolare quelle provenienti dall’opposizione. A commentare le dimissioni di Lorenzo Fioramonti ci ha pensato la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni che non ha perso occasione di attaccare l’operato dell’ormai ex ministro.

Giorgia Meloni attacca l’ex ministro Fioramonti: ‘Non sentiremo la sua mancanza’

Non sentiremo la mancanza del ministro Fioramonti – la parole pesantissime di Giorgia Meloni – Fioramonti avrebbe dovuto rassegnare le sue dimissioni già da tempo per i suoi post ignobili e deliranti contro le Forze dell’Ordine e le donne. Lo ha fatto solo dopo l’approvazione della manovra, ammettendo il fallimento su scuola e università di un Governo guidato da un professore.’

Meloni: ‘Pessimo decreto scuola e sciagurata invenzione di sugar e plastic tax’

‘La sua eredità – prosegue così la Meloni – è un pessimo decreto scuola e la sciagurata invenzione di sugar e plastic tax, due folli tasse che mettono a rischio migliaia di posti di lavoro in Italia. Senza contare la sua proposta di aumentare l’Iva, come ci riportano alcune indiscrezioni di stampa di queste ore. Se ne va uno dei peggiori ministri che l’Italia repubblicana abbia avuto. E ora questo Governo faccia un altro bel regalo agli italiani: vada a casa’.