Piano riapertura scuole, Pittoni attacca: 'Ministra Azzolina, la scuola ora ha due problemi'
Il Presidente della Commissione Cultura al Senato, Mario Pittoni, ha duramente criticato la decisione del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di scindere il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca in due ministeri, uno per la scuola e l’altro per l’università. Il senatore leghista, inoltre, non ha potuto fare a meno di osservare come il Movimento 5 Stelle sia passato dalla ‘riduzione dei parlamentari al raddoppio dei ministri dell’istruzione…’.
In un altro post, Mario Pittoni sottolinea come questa operazione non sarà certamente ‘a costo zero’, oltre a ribadire la superficialità del neo ministro della scuola, Lucia Azzolina, reduce dal fallimento del decreto scuola. Ecco il messaggio del responsabile scuola della Lega.

Pittoni su nomina Azzolina: ‘La frittata è completa’

‘A fronte delle dimissioni del ministro Fioramonti che lamentava scarsità di fondi per l’Istruzione, che fa il premier Conte? Scinde scuola e università, inventandosi un ulteriore ministero. Operazione ovviamente non a costo zero, che toglierà risorse a un settore già in difficoltà. Se aggiungiamo la superficialità nella scelta del nuovo ministro della Scuola, Lucia Azzolina, reduce dal fallimento del decreto che doveva contribuire alla stabilizzazione dei docenti e invece si è trasformato in “ammazza precari”, la frittata è completa’.

I sondaggi bocciano Lucia Azzolina

Intanto, i sondaggi in rete bocciano inesorabilmente la nomina di Lucia Azzolina quale ministro della scuola: in pratica, almeno l’80 per cento del personale scolastico ha bocciato la deputata pentastellata. Un inizio mandato che non si preannuncia beneaugurante: in ogni caso, vedremo, nei prossimi mesi, quali saranno i risultati della scelta del premier Giuseppe Conte.