Quesito/Consulenza informativa.

Gentile Avvocato, innanzitutto sereno 2020.
Sono un docente precario della scuola secondaria, con reiterati servizi annuali alle spalle ed avrei bisogno del suo intervento.
Con sentenza inappellabile (giudice civile) ho ottenuto il riconoscimento di tutto il servizio pregresso, nei periodi relativi ai contratti a termine stipulati (scatti stipendiali), con condanna del M.I.U.R. al pagamento delle differenze retributive, fra quanto dovuto, in virtù dell’anzianità professionale maturata e quanto effettivamente erogato.
Tuttavia, il Ministero e la scuola non hanno messo in esecuzione la sentenza, benché notificata, né hanno provveduto a calcolare le spettanze economiche che mi sono dovute, poiché l’ammontare dei soldi risulta imprecisato nel concluso giudizio. Come posso sbloccare la situazione? Pensa che il mio accoglimento giudiziario sia stato inutile?

Studio legale Esposito/Santonicola

Gentile docente,

Innanzitutto auguro a lei ed all’intero mondo scuola un sereno 2020!

La tranquillizzo sul fatto che non dispone di una sentenza inutiliter data.

Semplicemente, con l’accoglimento giudiziario, è stata accertata la sussistenza del diritto agli scatti stipendiali che il M.I.U.R. aveva disconosciuti; tuttavia è ancora controversa la quantità delle spettanze, essendosi limitato, il Magistrato, a pronunciare una generica condanna alla prestazione.

Ora, affinché possa essere disposta la liquidazione del quantum debeatur, sarà possibile avviare un separato ricorso che, partendo dal diritto agli scatti stipendiali, giudizialmente accertato, domandi la sola determinazione degli importi dovuti, anche con il supporto di operazioni aritmetiche.

La sentenza favorevole potrà così diventare “titolo esecutivo”.

Ad ogni modo, lo studio legale si riserva, ricevuta la copia della decisione giudiziaria, “considerata generica” per omessa quantificazione degli scatti stipendiali, una visione analitica, verificando se, in ordine al calcolo delle spettanze, siano stati indicati precisi parametri di conteggio che potrebbero consentire l’attivazione del decreto ingiuntivo.

Per ulteriori chiarimenti sul “ricorso quantificazione e liquidazione degli scatti stipendiali, già riconosciuti al docente precario o di ruolo”, si inoltri WhatsApp scritto al numero 366 18 28 489.

Risponderà direttamente il legale, con un vocale, in media entro sette giorni dall’invio del quesito.