Scuola, precariato e piaga 'supplentite': per 28 posti convocati 1500 docenti

Continua l’emergenza ‘supplentite‘ e i timori per quello che potrà accadere all’inizio del prossimo anno scolastico. Il quotidiano ‘Il Corriere della Sera‘ ha riportato la notizia riguardante un istituto tecnico della provincia di Bologna che si è ritrovato, all’inizio dell’anno scolastico, con soli 8 docenti di sostegno su 36. L’istituto in questione è il ‘Salvemini’ di Casalecchio di Reno (Bologna).

Loading...

Mancano 28 docenti di sostegno su 36, il preside convoca 1500 insegnanti

È stato chiesto a Carlo Braga, dirigente scolastico dell’istituto, come si sia evoluta la vicenda dei 28 docenti mancanti. Il preside ha dichiarato di essere riuscito a trovare gli insegnanti, ma ne ha dovuti convocare ben 1500.
‘Sa perché? – ha dichiarato Braga al ‘Corriere della Sera’ – Perché noi non possiamo scegliere, dobbiamo solo convocare in base al punteggio in graduatoria, che dipende dal voto di laurea e dall’anzianità di servizio. E quando chiamiamo, arriva di tutto: persone che fanno altri lavori, gente che non vuole spostarsi, insegnanti che dicono di sì e poi si mettono in malattia, persone che non hanno mai insegnato e che per puro caso si trovano inseriti in classi di adolescenti a far lezione…’.

‘Insegnamento, unico lavoro dove prima vieni assunto e poi dimostri quello che sai fare’

Carlo Braga ha parlato di ‘lavoro massacrante’ perché per 28 cattedre vacanti potresti arrivare anche a fare il doppio dei contratti.’

Loading...
Il preside lamenta anche la ‘difficoltà di valutazione della didattica: i singoli non sono soggetti a valutazione. L’insegnamento è l’unico lavoro dove prima vieni assunto e poi dimostri quello che sai fare’.