Quest’ oggi, alla Camera dei Deputati c’è stato un Question Time dove il ministro Lucia Azzolina ha riferito circa le attività condotte dal ministero per la pubblicazione dei bandi dei concorsi. Puntuale arriva la dichiarazione dell’onorevole Carmela Ella Bucalo di Fratelli d’Italia.

Per chi segue le vicende del reclutamento scolastico non rappresentano certamente una sorpresa dato l’impegno prodotto dalla parlamentare in questione. Nei giorni precedenti l’emanazione del decreto scuola l’onorevole Bucalo aveva presentato diversi emendamenti insieme all’onorevole Frassinetti. Le responsabili del settore istruzione del partito di Giorgia Meloni si erano sempre rammaricate del fatto che il governo non aveva voluto accogliere le loro proposte.

 

La dichiarazione

Risolti i problemi della scuola? Forse… Chissà… Ma mi faccia il piacere!

Questo pomeriggio il ministro Azzolina al question time ha assicurato che entro poche settimane saranno avviati tre concorsi: straordinario con 24 mila posti per la scuola secondaria primo e secondo grado (vincitori andranno in cattedra entro il primo settembre), ordinario da 25 mila posti, sempre per la scuola secondaria di primo e secondo grado (i vincitori in cattedra, nel successivo anno scolastico), ed infine anche il concorso ordinario per la scuola dell’infanzia e primaria.

Tutto molto bello se non fosse per un piccolo particolare: la rottura delle relazioni sindacali sui diritti degli insegnanti. Nei giorni scorsi si è infatti verificato lo strappo, guarda caso proprio con gli stessi sindacati che lo scorso aprile (governo Conte uno), avevano congelato uno sciopero alla vigilia delle elezioni europee.

Riassumo: l’attuale responsabile del dicastero all’Istruzione è riuscita a ridestare ben sigle 5 sindacali che per manifestare tutto il loro disappunto con le illogiche scelte del ministro, hanno proclamano lo sciopero degli insegnanti per il prossimo 17 marzo.

Ma, secondo voi, stando così le cose, questo governo è davvero in grado di risolvere i problemi della scuola?

Personalmente la penso come il grande Principe Antonio de Curtis: Ministro?… Ma mi faccia il piacere! Fratelli d’Italia Fratelli d’Italia Camera Fratelli d’Italia – Sicilia #iocisono