Concorsi scuola e precariato ultime notizie: Governo e ministro Azzolina congelino subito Decreto Scuola

Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha rilasciato un’intervista al quotidiano ‘Il Messaggero’ di oggi, lunedì 17 febbraio. Diversi gli argomenti trattati, dalla rottura con i sindacati in merito alle questioni legati ai concorsi e alle abilitazioni al rinnovo di contratto e agli aumenti stipendiali a favore del personale della scuola.

Lucia Azzolina sugli stipendi del personale della scuola

In merito alla valorizzazione della professione docente anche e soprattutto dal punto di vista economico, il Ministro Azzolina ha affermato che a breve partiranno i tavoli politici per il rinnovo contrattuale e per le abilitazioni. ‘Servono risorse per gli stipendi – ha dichiarato – e dal taglio del cuneo fiscale arriveranno in media 68 euro netti al mese a docente, sia precario sia di ruolo. Tra questo e il rinnovo avremo più di mezzo milione di docenti con oltre 100 euro netti in più al mese’.

Stipendi scuola, Azzolina: ‘Stiamo facendo una ricognizione delle risorse non spese’

Il Ministro Azzolina ha assicurato che ‘i fondi ci saranno. Ma prima dimostriamo di saper usare quelli che già ci sono: appena arrivata al ministero ho chiesto i conti e i tecnici del Miur sono rimasti sorpresi. Mi hanno risposto che da anni nessun ministro li chiedeva. Stiamo facendo una ricognizione delle risorse non spese e parliamo di milioni e milioni di euro’.
Il numero uno del dicastero di Viale Trastevere ha parlato di difficoltà oggettive nel chiedere le risorse che arrivano dall’Europa: l’intenzione è quella di attivare una task force per aiutare le scuole. Il Ministro Azzolina si avvarrà della collaborazione del Ministro Provenzano: ‘I soldi che ci sono vanno spesi e chi guida il ministero deve averne contezza. Ci sono scuole che si sono rifatte a nuovo sfruttando fondi Pon’.

Azzolina: ‘Siamo pagati per trovare soluzioni’

In merito all’attuale situazione politica, il Ministro Azzolina ritiene che i cittadini italiani siano stanchi delle polemiche e vogliano delle soluzioni concrete. ‘Spero che anche Renzi lo capisca – ha dichiarato Lucia Azzolina – Conte andrà avanti: siamo pagati per trovare soluzioni e dobbiamo impegnarci su questo’.