Decreto scuola ultime notizie: inizia oggi l'esame alla Camera dei Deputati

I diplomati magistrali sono i protagonisti involontari di un epic fail comparso su una testata a tiratura nazionale: un incidente di percorso, provocato dalla mancanza di verifica dell’informazione, frettolosamente diffuso in rete. Si trattava di un emendamento al Milleproroghe che prevedeva la riapertura delle Gae e lo scioglimento delle riserve. Chi aveva redatto il pezzo intendeva fornire un aggiornamento della situazione. Poche ore dopo lo stesso articolo, con lo stesso titolo, usciva rettificato. Ma oramai il danno era stato fatto.

La notizia ha cominciato a girare vorticosamente nei diversi gruppi Facebook popolati dai diplomati magistrali. L’entusiasmo suscitato dalla notizia non veritiera aveva raffreddato immediatamente gli animi e riportato tutti con i piedi a terra.
Anche la nostra testata si è già occupata dei nuovi concorsi scuola. Oggi sappiamo perfettamente che ne verranno banditi tre, di cui uno straordinario, riservato, però, esclusivamente ai docenti di scuola secondaria. Nessuna traccia di un riservato bis rivolto ai diplomati magistrali.

L’importanza della verifica delle informazioni

Sul contrasto alle fake news sono stati scritti fiumi di inchiostro e raccomandazioni di verificare scrupolosamente le fonti da cui provenivano. Ma quanto accaduto ai colleghi del quotidiano in questione sta a dimostrare che nessuno è esente da questo
tipo di incidente. Non tutti hanno la possibilità di seguire giornalmente l’evoluzione dei fatti e chi dovesse fare una ricerca si potrebbe imbattere su articoli errati e non veritieri.

Ovviamente non è previsto nessuno scioglimento delle riserve per tutti coloro che avevano beneficiato di provvedimenti cautelari. Chi vorrà entrare in ruolo dovrà affrontare un concorso ordinario il cui bando è previsto entro il 16 marzo.