Scuola, precariato docenti ultime notizie: 'Azzolina, no ai concorsi, si stabilizzino i precari', Lega in pressing
Scuola, precariato docenti ultime notizie: 'Azzolina, no ai concorsi, si stabilizzino i precari', Lega in pressing

Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, è intervenuta come ospite, ieri sera, del programma ‘Dimartedì‘, in onda su La7.

Coronavirus, Azzolina in TV: ‘Un governo serio prende delle misure serie’

“Un governo serio prende delle misure serie che abbiano una durata nel tempo – ha dichiarato il Ministro Azzolina – Misure che non servono a creare allarmismo. Le gite di istruzione al momento sono sospese fino al 15 marzo. Voglio tranquillizzare tutti, studenti e famiglie: gli studenti non perderanno l’anno. Il Ministero dell’Istruzione è abituato a gestire le urgenze: ci siamo attivati da giorni affinché si potesse mettere in campo tutto ciò che riguarda la didattica a distanza. Devo ringraziare tutti quelli che ci stanno dando una mano. Ci sono delle scuole che sono già attrezzate per fare questo da sole. Stiamo stanziando dei milioni di euro come Ministero dell’Istruzione non perché necessariamente ce ne sarà di bisogno, però il Ministero dell’Istruzione deve essere pronto a garantire il servizio pubblico essenziale ai nostri studenti. Le prove Invalsi non saranno un problema: se fosse necessario si spostano, tra l’altro quest’anno non rientreranno nemmeno più nel curriculum dello studente.

Azzolina sulla questione chiusura delle scuole

”Mai e poi mai io metterei in pericolo la vita dei miei studenti, ma nel momento in cui tutti i governatori, tutte le regioni hanno deciso di andare in una direzione ben precisa che tutela, comunque, le scuole, il governatore delle Marche è stato il solo a sfilarsi ma anche lui era d’accordo a lasciare le scuole aperte. La politica ha il dovere non di inseguire il consenso, ha il dovere di rimanere lucida, razionale, soprattutto in momenti come questi. Il premier Conte ha distinto 3 aree: abbiamo l’area dei focolai, in particolar modo parliamo di Lombardia e Veneto; poi ci sono le aree circostanti a quelle dove ci sono i focolai e poi c’è il resto dell’Italia. Ora lei capisce bene l’importanza sociale che hanno le scuole: che senso ha chiudere le scuole dove noi non abbiamo un problema reale di focolai? Noi creiamo un enorme disagio alle famiglie.’
Noi siamo pronti ad ogni evenienza – ha ribadito il numero uno del Miur – questo dev’essere chiaro a tutte le famiglie che ci stanno ascoltando e ai nostri studenti. Abbiamo messo in campo l’intero Ministero dell’Istruzione perché la scuola è talmente importante che dev’essere una preoccupazione per l’intero Paese.’

Azzolina: ‘Bisogna affrontare il coronavirus con intelligenza’

Il Ministro Azzolina ha poi pubblicato un messaggio sulla propria pagina Facebook per commentare il suo intervento televisivo: ‘A DiMartedì ho appena detto che bisogna affrontare il #Coronavirus con intelligenza. Al di fuori dalle zone dove ci sono focolai, bisogna continuare ad andare a scuola. Senza dare spazio alle fake news, che generano allarmismo. Bisogna attenersi alle informazioni ufficiali. Intanto, insieme alla task force del Ministero, stiamo lavorando a soluzioni per la didattica a distanza. Vogliamo garantire un servizio pubblico essenziale ai nostri studenti.’