Scuola e Legge
Scuola e Legge

Assunzioni scuola 2020, graduatorie e concorsi: la legge 159/2019 modifica alcune cose legate a questi aspetti del mondo scolastico, introducendo anche il vincolo quinquennale. Vediamo nel dettaglio quali sono le novità e cosa invece resta immutato.

Assunzioni 2020 scuola Gae e concorsi: cosa cambia?

Le immissioni in ruolo previste per settembre 2020, prevedono una prima fase in cui si svolgeranno secondo la solita procedura: 50% dalle GaE e 50% dai concorsi 2016 e 2018. I posti non assegnati dalle GaE, passano ai concorsi.

Per le graduatorie del concorso (straordinario) 2018, rammentiamo che al netto dei posti coperti con le graduatorie dei concorsi ordinari banditi nel 2016, è destinato:

  • il 100% dei posti per gli a.s. 2018/2019 e 2019/2020,
  • l’80% per gli a.s. 2020/2021 e 2021/2022,
  • il 60% per gli a.s. 2022/2023 e 2023/2024,
  • il 40% per gli a.s. 2024/2025 e 2025/2026,
  • il 30% per gli a.s. 2026/2027 e 2027/2028
  • il 20% per i bienni successivi

sino al totale scorrimento di tutte le graduatorie di merito regionali.

Seguirà poi una seconda fase, per la secondaria, in cui le le assunzioni avverranno dal concorso straordinario 2020 per il 50% dei posti residui della fase precedente, fino alla copertura di tutta la graduatoria da 24.000 posti.

L’eventuale posto dispari è destinato alla procedura concorsuale ordinaria.

Le novità della legge 159/19

Le altre novità della legge 159/19 sulla scuola sono:

  • Proroga di un anno delle Graduatorie di merito 2016 (inclusi idonei). La validità delle graduatorie diventa di 5 anni.
  • Call veloce per docenti inseriti nelle GaE e nelle graduatorie dei concorsi 2016 e 2018m dietro domanda. Possono essere assunti in territori diversi da quelli di pertinenza delle graduatorie in cui si trovano. Tali immissioni in ruolo saranno disposte ogni anno entro il 10 settembre.
  • Inserimento docenti in fascia aggiuntiva per chi si trova nelle graduatorie e negli elenchi aggiuntivi del concorso 2016 e 2018 (per infanzia, primaria e secondaria). Dietro domanda, si può essere inseriti in una fascia aggiuntiva ai concorsi straordinari 2018 anche in regioni diverse da quella di pertinenza della graduatoria, o dell’elenco aggiuntivo di origine.
  • Vincolo quinquennale: a decorrere dall’anno scolastico 2020/21, scatta il vincolo di 5 anni di permanenza nella scuola di titolarità, che esclude la possibilità di chiedere trasferimento, assegnazione provvisoria o utilizzazione in altra scuola. Non sarà possibile nemmeno usufruire dell’art. 36 (accettare per 3 anni supplenza su altro ruolo o cdc).

Eccezioni al vincolo di 5 anni:

  1. docenti in situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero,
  2. personale di cui all’articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, purché le condizioni lì previste siano intervenute dopo la data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali, ovvero all’inserimento periodico nelle graduatorie di cui all’articolo 401 del presente testo unico.
  3. docenti assunti prima dell’anno scolastico 2020/21, a meno che non avessero già vincolo (dm 631/2018).

Assunzioni 2020 e mobilità docenti e ATA, oltre 80mila posti vacanti: dati e percentuali