Scuola, TFA sostegno 2020 ultime notizie: Università a confronto, costi partecipazione prove e immatricolazione
Scuola, TFA sostegno 2020 ultime notizie

Lo scenario sta cambiando, gli specializzati sul sostegno ci sono, il 4 ciclo si completerà a fine marzo e il 5 ciclo è in fase di avvio (salvo slittamenti per l’emergenza coronavirus).

La situazione

Sempre più si sente l’esigenza di avere, per i posti di sostegno personale specializzato, il MIUR sta lavorando seriamente da ormai 5 anni per avere personale specializzato che riesca a coprire l’80% dei posti disponibili sul sostegno.
In questi ultimi anni, per la carenza di docenti specializzati, è stato consentito ad abilitati non specializzati di avere l’assegnazione provvisoria se solo avessero fatto un anno sul sostegno. Questa formula, resa necessaria negli anni precedenti per carenza di specializzati, adesso non può più essere considerata applicabile, danneggerebbe sia gli specializzati, che rischierebbero di restare senza cattedra e non garantirebbe la giusta attenzione ai disabili.

I numeri

Tenendo presente tutti gli ultimi 4 cicli di sostegno abbiamo circa 90000 specializzati, che coprirebbero oltre il 70% dei posti di sostegno.
Ricordiamo inoltre che per i posti di sostegno va sempre preso un docente specializzato, anche se di altro grado e poi si procede a chiamare i docenti sulla comune (non specializzati). Quanto previsto dal D.lgs. 297 del 16 aprile 1994 art. 127 (comma 4) che cita testualmente:
“L’utilizzazione in posti di sostegno di docenti privi dei prescritti titoli di specializzazione è consentito, nei modi previsti dall’articolo 455, UNICAMENTE qualora manchino docenti di ruolo o non di ruolo specializzati”.

Il titolo di sostegno può essere sfruttato per ottenere supplenze dalle graduatorie di istituto, che si aggiornano ogni tre anni (l’attuale graduatoria riguarda il triennio 2017-20), ma vengono integrate, nel corso del triennio, tramite due finestre annuali, le cosiddette finestre semestrali. Ricordiamo che a giugno avverrà l’aggiornamento delle graduatorie di istituto e da settembre gli incarichi al 30 giugno e 31 agosto saranno assegnati su base provinciale.
In breve, non è consentito lasciare a casa docenti specializzati a favore di docenti non specializzati.