Lockdown Covid, Galli lancia allarme su varianti virus: 'È un'invasione, avremo problemi seri'

Infuria la polemica in merito alla vicenda coronavirus e ai provvedimenti di chiusura delle scuole solamente nelle regioni dove si sono concentrati il maggior numero di casi. A questo proposito, il professor Massimo Galli, direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale ‘Sacco’ di Milano ha rilasciato alcune dichiarazioni all’agenzia di stampa multimediale italiana ‘Lapresse‘ in merito all’epidemia che ha colpito il nostro Paese.

Coronavirus, ‘epidemia zero del terzo millennio’

Secondo il professor Galli, “ci siamo preparati a fronteggiare questo tipo di emergenze in una dimensione di scala che non è questa e in una situazione che prevedeva di circoscrivere focolai limitati di infezione e di gestire eventuali casi importati individuati in partenza.”
Il professor Galli ha definito l’epidemia come ‘l’epidemia zero del terzo millennio per un sistema sanitario anche evoluto’.

Professor Galli: ‘La mia ipotesi è che il virus circoli sotto traccia in Italia da qualche settimana’

‘La mia ipotesi – ha affermato il direttore del reparto malattie infettive dell’ospedale ‘Sacco’ – è che il virus circoli sotto traccia in Italia da qualche settimana. Che sia sfuggito di conseguenza prima ancora che fossero state messe in atto le misure di limitazione dei voli dalla Cina, per le quali l’Italia è stata criticata. Quello che è stato fatto dalle autorità regionali credo che fosse il minimo di quello che si poteva tentare di fare. Detto, purtroppo, con la forza dei numeri e delle cose che stiamo vedendo’.